x

x

AIDS e dintorni: le malattie a trasmissione sessuale o MTS

Dr. Mario Corcelli Data pubblicazione: 03 settembre 2010

Spesso asintomatiche, i giovani sono particolarmente esposti al rischio di contagio. Ecco una veloce ma utile panoramica: per rinunciare ad esse senza rinunciare al sesso.

Più corretto chiamarle ITS (Infezioni a Trasmissione Sessuale), proprio perché spesso sono asintomatiche e molti ne sono portatori inconsapevoli. Si tratta di malattie infettive, cioè causate da agenti microbiologici come batteri, virus, funghi, parassiti. Si tratta di malattie contagiose, cioè, trasmissibili da persona a persona, mediante i vari tipi di contatto sessuale.

Si premette una sintesi delle principali modalità di trasmissione sessuale, fatta a solo scopo esemplificativo, riguardante i casi di maggiore probabilità di contagio, ma che non pretende di fornire un quadro completo ed esaustivo, perché nella pratica sessuale le situazioni possono risultare assai complesse:

  • rapporti anali: HIV, candidosi, cytomegalovirus, clamidia, epatiti B e C, gonorrea, herpes, papilloma virus, sifilide, ulcera molle.
  • rapporti vaginali: HIV, candidosi, cytomegalovirus, clamidia, gardnerella, epatiti B e C, gonorrea, herpes, papilloma virus, sifilide, ulcera molle, tricomoniasi.
  • contatti cutanei e petting: scabbia, piattole, papilloma virus, herpes.
  • baci: clamidia, cytomegalovirus, gonorrea, herpes, papilloma virus, sifilide.
  • anilingus: candidosi, cytomegalovirus, clamidia, epatite A, gonorrea, herpes, papilloma virus, sifilide.
  • cunnilingus: candidosi, cytomegalovirus, clamidia, gonorrea, herpes, papilloma virus, sifilide.
  • tutti i tipi di contatto sessuale: candidosi, clamidia, cytomegalovirus, gonorrea, herpes, papilloma virus, sifilide.
  • scambio di biancheria intima: herpes, papilloma virus, piattole, scabbia.

HIV e AIDS

E' causata da un virus, Human Immunodeficiency Virus o HIV.
Modalità di contagio: sex and blood, cioè tramite sesso e tramite sangue; rapporti sessuali anali e vaginali non protetti; rapporti oro-genitali; scambio di siringhe fra tossicodipendenti; trasmissione verticale mamma-figlio durante gravidanza-nascita-allattamento. È un virus che sopravvive poco tempo nell'ambiente esterno. Non si trasmette con la saliva nè con i baci nè con i normali rapporti sociali.

  • Sintomi: quasi sempre non dà alcun sintomo; dopo il contagio da HIV, si può restare asintomatici anche per anni; va distinta la situazione di sieropositivo da quella di malato di AIDS; si può rimanere per molti anni sieropositivi senza sviluppare la malattia.
  • Diagnosi: si basa soltanto sui test sierologici (prelievo di sangue).
  • Periodo-finestra per la diagnosi sierologica: 90 giorni. Effettuazione dei test: a 0, a 30 e a 90 giorni (a 180 giorni se in corso una PEP).
  • Terapia: nessuna terapia specifica, ma l'uso di farmaci antiretrovirali rallenta la progressione della malattia.
  • Non esiste vaccino.

Se vi è un forte sospetto di essere stati contagiati dopo un rapporto sessuale non protetto, è raccomandata una terapia profilattica con farmaci antiretrovirali di 4 settimane (PEP o Post-Exposure Prophylaxis) da iniziare quanto prima e comunque non dopo le 72 ore da un rapporto sessuale con partner sicuramente o probabilmente sieropositivo.

Per approfondire:Rapporti sessuali e AIDS: come misurare il rischio

Balanite e balanopostite

È causata da batteri (streptococchi e stafilococchi) e volte da funghi o come complicanza di altre MTS, come candidosi, gonorrea, clamidia, herpes, eccetera. Spesso si associa ad un prepuzio aderente che non permette una igiene adeguata. Il diabete è un fattore favorente.

  • Sintomi: dolore al pene, bruciori urinari, irritazione e secrezione dal prepuzio.
  • Diagnosi: l'esame clinico del pene.
  • La terapia è relativa alla causa specifica; nei casi di fimosi diventa opportuna una circoncisione per evitare recidive.

Candida

La candidosi è la più frequente infezione micotica o fungina.
È causata da un fungo, Candida albicans, che si trova comunemente come fungo saprofita sia nel cavo orale che nella vagina, ma che cresce eccessivamente in alcune occasioni come: indebolimento del sistema immunitario in corso di terapia con cortisone o immunosoppressori, contraccettivi orali, gravidanza, diabete, infezione da HIV.
Colpisce sia donne che uomini.

  • Modalità di contagio: rapporti sessuali di ogni tipo.
  • Periodo di incubazione: qualche giorno.
  • Sintomi: colorito biancastro, irritazione vulvare anche grave con escoriazioni, irritazione e dolore al glande, prurit.
  • Diagnosi: esame microscopico.
  • Terapia: farmaci antimicotici sistemici e locali.

Cytomegalovirus

Della famiglia degli Herpesvirusvirus, è diffuso a livello globale. Il virus resta latente nell'organismo e ogni tanto può riattivarsi. Nella donna gravida può causare anomalie del feto.

  • Modalità di contagio: tutti i tipi di rapporti sessuali (vaginale, anale, orale, baci compresi). Attenti anche all'urine: mediante la mano contaminata da urina e portata alla bocca.
  • Periodo di incubazione: qualche giorno.
  • Sintomi: quasi sempre asintomatica, qualche volta una forma simile all'influenza leggera.
  • Diagnosi: tests sierologici (prelievo di sangue). Per la diagnosi sul feto: amniocentesi, analisi del sangue fetale.
  • Terapia: nessuna specifica.

Clamidia

E' causata da un batterio, la Chlamidia trachomatis.

  • Modalità di contagio: rapporti sessuali di ogni tipo (sesso anale e vaginale; attraverso rapporti oro-genitali può infettare anche la gola).
  • Quasi sempre non dà alcun sintomo e la maggior parte delle persone non sa di esserne infetti. Una variante del batterio può dare anche il Linfogranuloma Venereo.
  • Periodo di incubazione: qualche giorno. 
  • Diagnosi: esame su tampone vaginale e urine.
  • La terapia è antibiotica.
  • Se non curata, può dare sterilità sia femminile che maschile.
  • Non esiste vaccino.

Epatite A

E' causata da un virus, Hepatitis A Virus o HAV.

  • Modalità di contagio: oro-fecale (cibi e acqua contaminati, rapporto oro-anale o anilungus). Generalmente è benigna e guarisce senza lasciare reliquati.
  • Diagnosi: test sierologico (prelievo di sangue). 
  • Terapia: nessuna.
  • Prevenzione: vaccinazione.

Epatite B

È causata da un virus, Hepatitis B Virus o HBV.

  • Modalità di contagio: sex and blood, cioè tramite sesso e tramite sangue; rapporti sessuali anali e vaginali non protetti; uso di strumenti chirurgici o aghi infetti, scambio di siringhe fra tossicodipendenti; tatuaggi o fori per piercing con strumenti non sterilizzati; contagio perinatale alla nascita. È tra i più resistenti tra i virus anche nell'ambiente esterno, molto resistente al calore. Dubbia o trascurabile la modalità di contagio con la saliva e con i baci, inesistente attraverso il cibo o l'acqua.
  • Periodo di incubazione: da qualche settimana a mesi.
    Nella stragrande maggioranza dei casi non dà alcun sintomo; a volte dà una epatite acuta (ittero, rialzo transaminasi). Un certo numero di contagiati resta portatore asintomatico ma contagioso.
  • La diagnosi: test sierologico (prelievo di sangue).
  • Periodo-finestra per la diagnosi sierologica: 180 giorni.
  • La terapia: nessuna terapia specifica. Esiste, però, da più di 20 anni un efficace vaccino, oggi prodotto sinteticamente, quindi efficace e senza effetti collaterali.

Epatite C

È causata da un virus, Hepatitis C Virus o HCV.

  • Modalità di contagio: sex and blood, ma il rischio di contagio tramite rapporti sessuali è più basso di quello dell'epatite B. Non si trasmette con la saliva nè con i baci nè con i normali rapporti sociali.
  • Periodo di incubazione: da qualche settimana a mesi. Nella stragrande maggioranza dei casi non dà alcun sintomo; a volte dà una epatite acuta (ittero, rialzo transaminasi). Un certo numero di contagiati resta portatore asintomatico ma contagioso.
  • La diagnosi: test sierologici (prelievo di sangue).
  • Periodo-finestra per la diagnosi sierologica: 180 giorni.
  • La terapia: nessuna terapia specifica.
  • Non esiste vaccino.

Gardnerella

È un lattobacillo potenzialmente patogeno che si trova nella normale flora batterica vaginale del 30% delle donne; in alcune condizioni, causa una vaginosi.

  • Modalità di contagio: rapporto vaginale.
  • Fattori favorenti: igiene intima scorretta che determina alterazione del pH acido della vagina, come l'uso eccessivo di lavande che scompaginano la flora batterica vaginale o una igiene scadente, antibiotici, contraccettivi meccanici (spirale), predisposizione, alterazione del pH vaginale anche da parte dello sperma (che ha un pH alcalino).
  • Sintomi: la vaginosi può essere del tutto asintomatica, talora perdite bianco-giallastre, odore di pesce marcio. Nella donna gravida può causare parti prematuri e infertilità.
  • Diagnosi: sniff-test o fishy odor test, pH vaginale, tampone per esame colturale.
  • Terapia: metronidazolo, normalizzazione della flora batterica vaginale e del pH vaginale.

Gonorrea

Detta anche Blenorragia. È causata da un batterio, la Neisseria gonorrhoeae.

  • Modalità di contagio: tutti i tipi di rapporti sessuali (vaginale, anale, orale, baci compresi).
  • Periodo di incubazione: qualche giorno. Si manifesta nell'uomo con il cosiddetto "scolo", una secrezione giallastra dal pene, che a volte manca; nella donna spesso non dà sintomi apparenti o solo prurito intimo. Se non trattata, può dare stenosi dell'uretra nel maschio e sterilità nella femmina. Se non trattata, facilita la trasmissione o il contagio del virus dell'AIDS.
  • La diagnosi: a colpo d'occhio se vi è lo "scolo"; per la conferma, esame al microscopio dello scolo o del secreto vaginale.
  • La terapia è antibiotica.
  • Non esiste vaccino.

Herpes

È causata da un virus Herpes Simplex o HSV, a localizzazione sia genitale che orale.

  • Modalità di contagio: tutti i tipi di rapporti sessuali (vaginale, anale, orale, baci compresi).
    Spesso l'infezione è asintomatica, a volte dà la caratteristica lesione erpetica (vescicola che si rompe e diventa crosta), prurito intimo, a volte dà sintomi come una leggera influenza.
    il virus può restare latente nell'organismo e di tanto in tanto manifestarsi in periodi di stress.
    Nella donna gravida aumenta il rischio di aborto e complicazioni nel neonato infetto.
  • Periodo di incubazione: qualche giorno.
  • Diagnosi: esame clinico.
  • Terapia: nessuna; creme antivirali locali sono solo palliative.
  • Non esiste vaccino.

Malattia infiammatoria pelvica

È una infezione dell'apparato genitale femminile più comunemente causata dalle MTS come Clamidia, Gonorrea e Tricomoniasi. Può portare a sterilità.

Papilloma virus

È causata da un virus, Human Papilloma Virus o HPV; vi sono circa 120 genotipi.

  • Modalità di contagio: tutti i tipi di rapporti sessuali (vaginale, anale, orale, baci compresi); può essere trasmesso anche tramite le mani, se queste hanno toccato una lesione.
    Spesso non dà alcun sintomo, a volte si manifesta con piccole verruche o con condilomi (creste di gallo) sul pene, attorno all'ano, fuori e dentro la vagina.
    Nelle donne può dare il cancro del collo dell'utero.
  • Periodo di incubazione: qualche giorno.
  • Per la diagnosi: esame clinico, biopsia, test sierologici per la tipizzazione (prelievo di sangue). PAP-test per la diagnosi precoce del cancro del collo dell'utero.
  • Terapia: nessuna. Le verruche e i condilomi sono trattati con crioterapia, laserterapia, elettrocoagulazione, escissione chirurgica.
  • Da pochi anni esiste un vaccino, raccomandato alle femmine di età dai 12 ai 25 anni, in particolar modo a quelle che ancora non hanno avuto un rapporto sessuale.

Piattole

Sono i pidocchi del pube.

  • Via di contagio: contatto cutaneo durante il rapporto sessuale e per uso promiscuo anche di breve durata di biancheria intima, petting.
  • Periodo di incubazione: qualche giorno.
    Se non trattate, l'infestazione si sposta anche in altra peluria del corpo, soprattutto alle ciglia palpebrali.
  • Diagnosi: le piattole sono visibili ad occhio nudo.
  • Terapia: lozione antiparassitaria. Come per la scabbia, disinfestazione con lavaggio accurato di abiti, lenzuola, cuscini, coperte. Tutto il nucleo familiare o comunitario deve trattarsi contemporaneamente, per evitare recidive.

Scabbia

È una parassitosi causata da un acaro, Sarcoptes scabiei.

  • Vie di contagio: contatto cutaneo, petting.
    Tipica parassitosi che si contrae durante soggiorni di turismo sessuale.
    Gli acari scavano dei cunicoli sottopelle (mani e piedi, polsi, ascelle, genitali, natiche), causano un intenso prurito; l'intenso grattamente provoca escoriazioni.
  • Periodo di incubazione: qualche giorno.
  • Diagnosi: esame clinico.
  • Terapia: creme o oli scabicidi su tutto il corpo; disinfestazione con lavaggio accurato di abiti, lenzuola, cuscini, coperte. Tutto il nucleo familiare o comunitario deve trattarsi contemporaneamente, per evitare recidive.

Sifilide

È causata da un batterio, il Treponema pallidum.

  • Modalità di contagio: tutti i tipi di rapporti sessuali (vaginale, anale, orale, baci compresi).
    Può essere trasmessa al feto durante la gravidanza.
  • Periodo di incubazione: 2-4 settimane.
  • Sintomi: solitamente compare come primo sintomo il "sifiloma" nella zona di contatto sessuale, bocca compresa, dopo qualche settimana, che poi sparisce; a volte, si ha contagio senza la comparsa del sifiloma; può comparire anche una eruzione cutanea diffusa a tutto il corpo, rigonfiamento dei linfonodi, febbre, stancabilità.
  • La diagnosi: esame clinico, tests sierologici (prelievo di sangue), analisi al microscopio ottico di materiale prelevato da una lesione.
  • Test sierologici: VDRL (non specifico), TPHA e FTA-ABS (specifici).
  • La terapia è antibiotica (penicillina).
  • Attenzione: dalla sifilide si guarisce, ma ci si può nuovamente contagiare.
  • Non esiste vaccinazione.
  • Se non trattata, la sifilide passa allo stadio secondario; provoca danni permanenti solo se passa allo stadio terziario.

Tricomoniasi

E' causata da un parassita protozoo: Trichomonas vaginalis.

  • Vie di contagio: sesso vaginale. Nelle donne gravide può causare parti prematuri.
  • Diagnosi: striscio vaginale, esame colturale.
  • La terapia è antibiotica.
  • Non esiste vaccino.

Ulcera molle

E' causata dal bacillo Haemophilus ducreyi. Diffusa nei paesi tropicali, da noi è poco frequente.

  • Sintomi: comparsa di ulcerazioni molli nei punti di contagio.
  • Diagnosi: esame microscopico.
  • Terapia: antibiotica.

Autore

mariocorcelli
Dr. Mario Corcelli Medico legale, Medico igienista

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1974 presso Università di Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Milano tesserino n° 15857.

Vuoi ricevere aggiornamenti in Igiene e medicina preventiva?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Sai proteggerti dal sole? Partecipa al nostro sondaggio