Balanopostite: ecco le linee guida europee

Dr. Luigi LainoData pubblicazione: 20 maggio 2014Ultimo aggiornamento: 14 febbraio 2019

Sono state appena pubblicate le 

Linee Guida Europee sulle Balanopostiti

possiamo quindi finalmente - dopo anni di studio e lavoro su questo gruppo eterogeneo di patologie cutanee - avere a disposizione il documento ufficiale su questa così diffusa e spesso sottovalutata malattia dermovenereologica

Si deve quindi al lavoro delle seguenti organizzazioni e società scientifiche

  • European Academy of Dermatology and Venereology (EADV)
  • European Dermatology Forum (EDF)
  • European Society of Clinical Microbiology and Infectious Diseases (ESCMID)
  • Union of European Medical Specialists (UEMS)
  • European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC)
  • European Office of the World Health Organisation (WHO-Europe)

i risultati di un documento che - ci permettiamo di commentare da esperti del settore - costutisce una prima importantissima pietra miliare sulla quale basarci rilanciando nuovi studi e nuove teorie.

Con viva soddisfazione, apprendiamo che questo documento è la summa di quello che anche noi asseriamo e scriviamo da anni anche in questa sede (di seguito alcuni link targati medicitalia.it):

o nelle decine di consulti sempre in medicitalia.it con questo tema trattati anche dal sottoscritto:

ovvero, in queste Linee guida si certifica che il "gruppo delle balanopostiti" appartiene ad un cluster di patologie dermovenereologiche appartenenti a categorie diverse fra loro.

 

Ecco di seguito i gruppi in cui possono essere racchiuse le Balanopostiti:

 

1) INFETTIVE E SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

- micotiche saprofitiche e dermatofitiche

- aerobiche

- anaerobiche

- sifilitiche (balanite di Follman)

- herpetiche

- tricomoniasiche

 

2) DERMATOSICHE (CRONICHE E/O AD ANDAMENTO CRONICO RECIDIVANTE)

- Lichenoidi (Lichen sclerosus)

- Lichen planus

- balanite di Zoon

- Balanite Psoriasica

- Balanite Eczematosa (che include le forme irritanti, allergiche, seborroiche)

- Gruppo delle balaniti aspecifiche (iatrogene, sinechianti, erosive, patomimiche etc.)

- Eritema fisso da farmaci

- Balaniti autoimmunitarie (tra cui pemfigo e pemfigoide)

 

3) PRE CANCEROSE

- Eritroplasia di Queyrat

- Malattia di Bowen

- Papulosi bowenoide

- Balaniti lichenoidi e displastiche (Lichen sclerosus in fase infiammatoria/erosivo/sclerotica)

 

Il concetto di fondo, che può costituire in conclusione, il "take home message" risiede nella diagnosi: una buona terapia per una Balanopostite di natura da indentificare, deve esessere semrpe anticipata da un buon percorso anamnestico e diagnostico che deve assolutamente passare dall'esame obbiettivo dello specialista Dermovenereologo.

Troppe difatti, ancora ad oggi, le terapie "ex adiuvantibus" autosomministrate/prescritte in sedi non specialistiche ancor prima di una corretta diangosi.

Prima la diangosi poi la cura mirata: queste linee guida insegnano la corretta via anche in questa spesso misdiagnosticata patologia.

 

Fonti:

 

 

Autore

luigilaino
Dr. Luigi Laino Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2000 presso UNIVERSITA' LA SAPIENZA di ROMA.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 50938.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche balanopostite 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Dermatologia e venereologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati