Le nuove Linee Guida sulla contraccezione di emergenza

Dr.ssa Lucia VecoliData pubblicazione: 20 settembre 2015

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

L'ACOG (America College of Obstetrics and Gynecologists) ha recentemente pubblicato le nuove Linee guida sulla contraccezione d'emergenza, che viene spesso richiesta dalle donne che incorrono in rapporti sessuali "a rischio".

Si tratta spesso di donne molto giovani, disinformate sui metodi contraccettivi, o di donne adulte, che non vogliono o, talvolta, non possono, per controindicazioni mediche, usufruire dei comuni metodi anticoncezionali in commercio.

desiderio sessuale

Le Linee guida affermano:

  1. Rispetto al levonorgestrel, il più recente ulipristal acetato è più efficace ed ha un effetto più prolungato nel tempo (5 giorni). Ricordo a tale proposito che nelle maggiorenni è ottenibile in farmacia direttamente senza ricetta medica.
  2. Confrontato con le associazioni estroprogestiniche, cioè la vecchia pillola tradizionale, il levonorgestrel da meno nausea ed è più efficace.
  3. Quando serve una contraccezione di emergenza, il metodo più sicuro di tutti è inserire uno IUD al rame.
  4. Prima della contraccezione di emergenza non serve effettuare una visita ginecologica o un test di gravidanza.
  5. La contraccezione di emergenza è più efficace tanto più precocemente viene assunta.
  6. Sia l'ulipristal acetato che lo IUD al rame possono essere utilizzati entro 5 giorni dal rapporto a rischio.
  7. Nelle donne obese, lo IUd al rame è preferibile, perchè l'obesità riduce la sicurezza del contraccettivo orale, che tuttavia non deve essere negato, se richiesto.
  8. Le donne con controindicazioni alla contraccezione orale tradizionale possono ricevere il contraccettivo d'emergenza.
  9. Il contraccettivo orale può essere usato più di una volta anche senza la mestruazione.
  10. I medici dovrebbero insegnare alle donne la contraccezione, prima che siano costrette a ricorrere al contraccettivo di emergenza.
  11. E' opportuno nformare le donne che ricevono il contraccettivo di emergenza sull'esistenza dei metodi contraccettivi.
  12. In caso di ritardo mestruale o dolore pelvico, le donne che hanno usato contraccezione di emergenza devono essere visitate (in questi rari casi esiste il rischio di una gravidanza intra o extrauterina).
  13. lo IUD al rame è ideale per le donne che vogliono un contraccettivo sicuro e di lunga durata, al momento che si rende necessaria la contraccezione di emergenza.

 

Fonte:

Ostet Gynecol 2015; 128: 685-686

 

Autore

luciavecoli
Dr.ssa Lucia Vecoli Ginecologo

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1980 presso Università. Di Pisa.
Iscritta all'Ordine dei Medici di Lucca tesserino n° 1235.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche pillola 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Ginecologia e ostetricia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati