In Europa l'infezione da HIV è in aumento!

Dr. Giovanni BerettaData pubblicazione: 30 novembre 2013Ultimo aggiornamento: 23 agosto 2017

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

Il Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie (ECDC) e l'Ufficio Regionale per l'Europa dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO), secondo dati diffusi in questi giorni, hanno sottolineato che sono state segnalate nel 2012 più di 131.000 nuove infezioni da HIV nella Regione Europa; queste sono circa 10.000 casi in più rispetto al 2011, cioè un aumento complessivo dell’ 8%.

giovanniberetta_hiv
HIV (Human Immunodeficiency Virus)

Questo dato, che sarà diffuso il primo di dicembre, Giornata Mondiale dell’AIDS, sembrerebbe confermare purtroppo un costante aumento di questa infezione virale in tutto il mondo con un aumento, sempre dal 2011 al 2012, superiore al 9% in tutti i paesi dell’Europa orientale ed anche dell’Asia Centrale.

Altro dato preoccupante, su cui meditare, è il numero di uomini con una nuova diagnosi di malattia che tra i 2006 ed il 2012 è aumentato del 113% nei paesi dell’Europa dell’Est mentre tutti i casi di AIDS conclamati in tutte le altre Regione dell’Unione Europea sono diminuiti del 48%.

Dalle analisi svolte si giunge alla conclusione che questo incremento sembrerebbe strettamente collegato alla mancanza di corrette misure atte a prevenire e a curare in modo adeguato questa infezione grave virale.

giovanniberetta_1472[1] 

Altro dato su cui meditare purtroppo è che le terapie antiretrovirali hanno raggiunto in Europa, nel periodo 2011-2012, solo un paziente su tre.

Una terapia antiretrovirale mirata, indicata al momento giusto, oggi permette alle persone sieropositivi di vivere più a lungo, rendendo la malattia ad impatto molto simile a quello di un portatore di epatite C e soprattutto riduce la trasmissione dell’HIV ad altri.

Per l’ECDC diventa fondamentale aumentare i test diagnostici e garantire in tutta le Regione Europa cure adeguate e tempestive con un obbiettivo preciso che è quello di arrestare la diffusione dell’HIV in molti Paesi del Vecchio Continente entro il 2015.

Quest’auspicio non può che essere pienamente condiviso da noi medici italiani.

 

Altre informazioni:

http://www.lila.it/it/

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-la-prevenzione-andrologica-nell-eta-pediatrica-e-puberale.htmlLa-prevenzione-andrologica-nell-eta-pediatrica-e-puberale

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/443-problemi-sessuali-in-pazienti-sottoposti-a-terapia-haart-per-un-infezione-da-hiv.htmlProblemi-sessuali-in-pazienti-sottoposti-a-terapia-HAART-per-un-infezione-da-HIV

 

Autore

giovanniberetta
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1977 presso Università di Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Firenze tesserino n° 12069.

4 commenti

#1
Utente 118XXX
Utente 118XXX

Salve vorreei porre questa domanda:

come e' possibile che di un virus che causi otre 30 malattie gravissime nessuno ne parli?Si assiste alla totale assenza di campagne informative nei confronti di una malattia mortale per cui non esiste una cura definitiva!In tv si sente parlare di tumori e infarto ma non di hiv.Mi riferisco soprattutto all'informazione nei confronti dei giovanissimi che non sanno neanche cosa l'hiv sia(!)eppure stampiamo a chiare lettere sui pacchetti delle sigarette che il fuma faccia male!Voglio dire che l'intera vicenda hiv appare a tal punto paradossale da far avanzare sospetti piu' o meno fondati.

#2
Dr. Giovanni Beretta
Dr. Giovanni Beretta

Gentile lettore,

in effetti la sensibilità al tema non è ancora al massimo ma direi che non è neppure al minimo e comunque, con le nuove terapie antiretrovirali, quando sono disponibili, una infezione da HIV non può più essere considerata una "malattia mortale" ma, come ho scritto, deve essere considerata una patologia ad impatto complesso ma paragonabile ad un'epatite C.

#3
Utente 384XXX
Utente 384XXX

Salve potrei chiedervi qualche info?

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche hiv 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Malattie infettive?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati