L'osso nasce nelle cellule non nello spazio extracellulare mentre lo zinco aiuta calcio e fosforo

Dr. Antonio ValassinaData pubblicazione: 29 gennaio 2020

Una vera rivoluzione è avvenuta nelle scienze dei tessuti duri, in questo caso dell'osso.

Nel modello teorico di costruzione dell'osso si pensava che il processo di mineralizzazione della matrice prodotta dalle cellule osteogneiche avvenisse nell'ambiente extracellulare.

Uno studio, appena pubblicato da un gruppo di ricercatori dell'Università di Bologna, ha individuato, invece, i primi “granelli” di osso all’interno di cellule staminali.

La scoperta può avere ricadute importanti nel campo della bioingegneria medica e della medicina rigenerativa.
Gli elementi di straordinaria novità sono i seguenti:

  1. I granuli di minerale dopo soli quattro giorni sono già presenti all'inizio nelle cellule staminali mesenchimali stimolate a diventare cellule ossee (osteoblasti); la grande scoperta è che le cellule staminali iniziano a produrre osso ben prima di diventare cellule ossee vere e proprie.

  2. Dopo dieci giorni i granuli di osso neoformato si ritrovano nella matrice extracellulare (lo spazio che circonda le cellule), ma altri granuli, invece, restano dentro le cellule e, confrontandoli, si vede che sono quasi identici; il che significa che i granuli che si formano all'interno delle cellule sono ormai uguali all'osso maturo arrivato a termine del suo processo di costruzione.
     
  3. Per la prima volta nell'osso in via di formazione è stato trovato, oltre agli attesi calcio e fosforo, anche lo zinco che, evidentemente, ha un ruolo molto importante nella formazione iniziale dell'osso (cristallizzazione dell'idossiapatite).
     


Questo studio, pubblicato sulla rivista ACS Central Science, potrebbe avere ricadute molto importanti nel campo della bioingegneria medica e della medicina rigenerativa.

Chemical fingerprint of zn-hydroxyapatite in the early stages of osteogenic differentiation. ACS Cent Sci. 2019 Aug 28;5(8):1449-1460.

Procopio A, Malucelli E, Pacureanu A, Cappadone C, Farruggia G, Sargenti A, Castiglioni S, Altamura D, Sorrentino A, Giannini C, Pereiro E, Cloetens P, Maier JAM, Iotti S.

Autore

antonio.valassina
Dr. Antonio Valassina Ortopedico, Chirurgo vascolare

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1978 presso Università Cattolica del S. Cuore.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 34117.

4 commenti

#1
Utente 570XXX
Utente 570XXX

Dottore buongiorno. Grazie dell'articolo. Da quando sono piccolo e per tutta la crescita fino ad a adesso ho sempre vomitato tanto e sono sempre andato molto in bagno. Adesso che ho 24 anni sto combattendo la cosa fra gastroenterologo e psicofarmaci. È possibile che sia cresciuto comunque in altezza ma che per queste mie carenze nutrizionali (sono sempre stato tanto sottopeso ma tanto...in terza media pesavo 35 chili) le ossa mi siano rimaste poco larghe? Mi riferisco a quelle dei polsi. O non funziona così? Oltre a non avere carne attaccata all'avambraccio ho dei polsini piccolini e dal polso l'ossatura proseguendo per l'avambraccio diventa ancora più piccola per un po'. Inoltre a 19 anni avevo poca vitamina d meno di 15 ma non ricordo quanta. Curata anche quella ma tardi.....

#2
Utente 570XXX
Utente 570XXX

Ne approfitto visto che è ortopedico...e se ne intenderà di ossa

#3
Dr. Antonio Valassina
Dr. Antonio Valassina

Caro ragazzo, no, non funziona così. Il tuo essere molto magro e sottopeso, ma molto alto, pone tutta una serie di domande a riguardo di tutto il tuo metabolismo. Le ossa sono solo una piccola parte di tutto questo meccanismo complesso e per avere dunque informazioni adeguate sui disturbi che riferisci devi rivolgerti ad un internista gastroenterologo con cui affrontare questo problema e non ad un chirurgo ortopedico.
Cordiali saluti
Dr. A. Valassina

#4
Utente 570XXX
Utente 570XXX

Grazie mille allora scusi. Pensavo di provare a chiedere anche il suo parere perché io mi accontenterei così tanto di avere le ossa più larghe. Aumenterebbero sia il peso che l'estetica che la mia autostima che è sotto la suola delle scarpe. Vado a controllare i miei dati perché mi dice che sono molto alto e allora non vorrei avere scritto qualche altezza sbagliata. Magri 1.90 invece che 1.80. Ancora la ringrazio per la gentilezza che ha avuto a rispondermi. Arrivederci e complimenti per le novità dell'articolo

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche osteogenesi 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Ortopedia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio