Separazione come dirlo ai figli

Dr.ssa Alessandra D'AlessioData pubblicazione: 05 gennaio 2016

Nei casi di separazione è sempre auspicabile un sostegno alla genitorialità offerto da uno psicologo esperto, soprattutto quando la coppia ha figli.
La separazione infatti è un percorso e come tale deve essere affrontato.
Può infatti capitare che la coppia decida di separarsi, ma non per questo motivo deve separarsi la coppia genitoriale, se si vuole salvaguardare il benessere psicologico dei bambini.
Per riuscire a preservare (per quanto possibile) la serenità dei bambini è fondamentale rivolgersi ad esperti, in modo da evitare o quanto meno allontanare sentimenti negativi, come angoscia e paura.
Con l'aiuto di un esperto sarà possibile fissare degli obiettivi, accompagnando la coppia al raggiungimento degli stessi e aiutarla a risolvere questioni irrisolte, sia di ordine emotivo sia meramente pratico.

Solo in un secondo momento si potrà comunicare ai bambini la scelta dei genitori di non vivere più insieme e vediamo come:
1. Trasmettere serenità al bambino. Vedere i genitori tranquilli, lo porterà ad esserlo a sua volta. Al contrario percepire tensioni, lo porterà a sviluppare sentimenti di insicurezza e angoscia.
2. Raccontare al bambino la storia dei genitori, la scelta di costruire una famiglia e avere dei bambini come atto d'amore. Questo lo farà sentire amato a prescindere dalla separazione della coppia
3. Spiegare al bambino la decisione della separazione della coppia, ma non dei genitori.

In particolare, infatti, il bambino si sentirà rassicurato dal fatto che la coppia genitoriale (mamma e papà) continuerà a volersi bene e ad essere sempre presente per lui.
Si raccomanda, inoltre, di prestare attenzione al possibile cambiamento del comportamento del bambino dopo la notizia. Bisognerà osservare eventuali segni di inquietudine, insonnia o inappetenza. Nel caso si manifestassero episodi di irrequietezza, silenzi prolungati sarà necessario dedicargli uno “spazio di parola” in cui condividere le emozioni, in modo da arrivare alla rassicurazione delle sue paure.

Il bambino deve poter contare su entrambi i genitori, li deve considerare un porto sicuro e un faro luminoso durante la sua traversata di nome vita!

Autore

adalessio
Dr.ssa Alessandra D'Alessio Psicologo, Psicoterapeuta

Laureata in Psicologia nel 2000 presso la sapienza di roma.
Iscritta all'Ordine degli Psicologi della Regione Lazio tesserino n° 10294.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: chiusi!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche separazione 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Psicologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test

Contenuti correlati