Questione di stress: comincia a stare bene!

Dr.ssa Michela RomolaData pubblicazione: 28 luglio 2020

Vita frenetica, scadenze da rispettare, partenze inaspettate, il rientro al lavoro e/o a scuola, un carico lavorativo importante, conflitti relazionali, la cura di un familiare malato e molto altro, possono essere fonte di grande stress.

Stress

A prescindere che si soffra di ansia o meno, lo stress è presente nella maggior parte delle persone: 9 italiani su 10 (OMS).

Cos’è lo stress?

Si definisce “fattore di stress”, qualsiasi situazione, evento o esperienza percepita come minacciosa o pericolosa.

Cosa fare?

Il primo passo verso il cambiamento è l’autoconsapevolezza: prendi coscienza della tua ansia, impara a riconoscerla ed affrontarla per vivere più serenamente. 

  • Quando ti senti stressato o nervoso?
  • Dove ti trovi quando questo accade?
  • Quali sono i sintomi fisici (Ti senti spossato?
  • Hai mal di testa?
  • Attacchi di panico?
  • Ansia e insonnia?
  • Variazione di peso?
  • Caduta di capelli? ecc…
  • Cosa hai sentito?
  • Cosa hai pensato?
  • Come ti sei comportato?

ANNOTA I SEGNALI E PARLA CON UN PROFESSIONISTA.

Tecniche di rilassamento

Propongo, spesso, ai miei pazienti Tecniche di Rilassamento da poter mettere in pratica durante situazioni percepite come critiche e disagianti (es. ansia e tensione durante un viaggio in aereo, prima di una performance sportiva o una sfilata/ shooting, un impegno lavorativo o scolastico, una discussione in pubblico, prima di un intervento, durante la guida ecc…) e favorire, dunque, una miglior gestione delle situazioni ad elevato contenuto di stress.

Il training autogeno, ad esempio, attraverso degli esercizi crea un crescente equilibrio psicofisico, soprattutto su quelle funzioni psicosomatiche legate alla contrazione di muscoli involontari, migliora il rapporto con se stessi e aiuta a ristrutturare le proprie reazioni negative migliorando alcuni vissuti psicologici. 

Un’altra tecnica efficace, ancora oggi, molto utilizzata da noi professionisti è il rilassamento muscolare progressivo: il soggetto raggiunge in modo progressivo una completa distensione muscolare mediante esercizi di contrazione e decontrazione su gambe, bacino e glutei, addome, braccia, dorso e spalle, nuca e viso. L’obiettivo è quello di rilassarsi fino al punto da eliminare qualunque tensione residua.

Benefici dati dalla pratica delle tecniche di rilassamento

  • Raggiungimento di uno stato di calma e distensione;
  • stabilizzazione del tono dell’umore;
  • miglioramento delle relazioni interpersonali;
  • accrescimento delle prestazioni psicofisiche;
  • miglioramento dell’autocontrollo;
  • rallentamento e regolazione della respirazione;
  • riduzione del consumo di ossigeno,
  • abbassamento della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca;
  • influenza positiva sul sistema immunitario.

Allenandosi a prestare attenzione alle sensazioni di tensione e rilassamento si riesce a provare benessere che si traduce in equilibrio psicologico. Per ottenere risultati, da entrambe le tecniche di rilassamento, è opportuno essere costanti e per evitare errori durante l’esecuzione, è indispensabile apprendere la pratica insieme ad un professionista prima di praticarla autonomamente.

 

Bibliografia:

  • Marchi I. (2002). Teoria e pratica del training autogeno, Demetra, Firenze.
  • Bertolotti G. Il rilassamento progressivo in psicologia (2014) Roma: Carocci-Faber

Autore

michelaromola
Dr.ssa Michela Romola Psicologo

Laureata in Psicologia nel 2017 presso Università degli studi di Messina- Psicologia LM5.
Iscritta all'Ordine degli Psicologi della Regione Calabria tesserino n° 2136.

1 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche stress 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Psicologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati