Anche in Italia arriva il test rapido per l'HIV

Dr. Giovanni BerettaData pubblicazione: 01 dicembre 2016Ultimo aggiornamento: 24 aprile 2017

 Proprio in concomitanza con il World Aids Day arriva anche in Italia il test per autodiagnosi dell’HIV.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha ribadito ieri l’importanza dell’autotest che può essere eseguito a casa propria e dà una risposta rapida in circa 15 minuti.

Grazie ai nuovi farmaci, oggi disponibili, l’AIDS non è più una malattia che porta sicuramente a morte ma è un problema virale che può essere controllato, come e forse meglio di una Epatite di tipo C, ma il tabù, legato a questa malattia, sembra tenacemente permanere ed ancora un numero significativo di persone, anche nella nostra civile ed informata Europa, ha preso il virus ma non lo sa.

 

          

 

Infatti nel nostro Continente, secondo il Centro di Controllo delle malattie (Ecdc), ci sono circa 122.000 persone sieropositive per l'HIV che non sanno di esserlo.

Anche il periodo che intercorre tra l’infezione e la sua diagnosi è ancora troppo alto, circa quattro anni, con il 50% dei pazienti che arriva a scoprire il virus quando la malattia è in fase avanzata.

 

              

 

Da oggi è possibile acquistare il test di autodiagnosi per HIV in farmacia, senza ricetta, al costo di 20 euro, e poi con tranquillità eseguirlo al proprio domicilio; la risposta è quasi immediata, cioè, come già detto, dopo circa 15 minuti.

Il farmacista può consegnare il test, con il relativo materiale informativo sulla malattia, solo a persone maggiorenni.

I farmacisti infine che vorranno ordinare questo test rapido dovranno comunque prima seguire un corso di formazione, on line, su come rapportarsi al cliente che comprerà questo tipo test di autodiagnosi.

 

Altre informazioni:

https://www.medicitalia.it/blog/andrologia/3657-dieci-regole-sicure-per-evitare-l-aids.html

 

Autore

giovanniberetta
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1977 presso Università di Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Firenze tesserino n° 12069.

2 commenti

#1
Ex utente
Ex utente

Buongiorno Dr. Giovanni Beretta, Grazie ai Medici e agli Ideatori di questo Forum, ho avuto la possibilità di descrivere quello di cui sono più che certo riguardo ad una ricerca che ho svolto da autodidatta, per capire quali possono essere le cause e le cure delle malattie degenerative e virali.
A questo proposito Dr. Giovanni, augurandomi il suo consenso, vorrei indicare quale può essere una Cura Naturale per guarire dall'infezione provocata dal virus HIV il quale causa la malattia denominata AIDS.
Allora Dr. Giovanni, la mia prima riflessione verso le Persone affette dall'AIDS o altre malattie virali è la seguente: le Persone con la malattia virale hanno le Difese Immunitarie Indebolite, e allora ci poniamo la domanda: potremmo Rafforzare le Difese Immunitarie con una Cura Naturale e liberarci in questo modo dal virus HIV guarendo dall'AIDS?
A seguito della mia ricerca posso affermare senza timore di essere smentito che, se decidiamo di iniziare un costante (quotidiano) esercizio fisico aerobico, trenta-quaranta minuti al giorno del semplice camminare a passo non affaticante, per almeno 180-200 minuti a settimana, dopo due o tre mesi iniziano DUE molto importanti benefici, diminuisce protettivamente la Frequenza Cardiaca aumentando la Gittata Cardiaca, che vuol dire maggiori quantità di sangue e ossigeno in tutti gli organi del corpo ad ogni battito del Cuore.
Il Cuore rafforzato dall'esercizio fisico sospinge con maggiore intensità e quantità il sangue nelle arterie, verificandosi così la crescita di nuovi sottili vasi sanguigni (angiogenesi) in seguito all'incremento dei quali crescono Nuove Cellule nel Cervello e negli altri Organi del Corpo.
Inoltre, la regolare attività fisica aerobica aumenta stabilmente la Pressione Parziale di Ossigeno i cui livelli sono indicati dalla pO2 arteriosa.
Possiamo capire che, la crescita di nuovi vasi sanguigni e nuove cellule dovuta all'aumento della Gittata Cardiaca, insieme al neuroprotettivo aumento della Pressione Parziale di Ossigeno (pO2) nel Flusso Cerebrale e in tutto il corpo, stimola il Cervello al rilascio di certe Sostanza Neurochimiche Protettive chiamate CITOCHINE, le quali trasmesse e diffuse per mezzo del sangue in tutto l'organismo, RAFFORZANO l'Intero Sistema Immunitario.
Mi creda Dr. Giovanni, queste che descrivo non sono fantasie ma realtà riscontrate in me stesso, quindi sono più che certo nel riaffermare che, l'aumento della Gittata Cardiaca insieme al decisivo incremento stabile della Pressione Parziale di Ossigeno (pO2) nel sangue, ottenuto con il costante ma non affaticante esercizio fisico aerobico, o con altre terapie, per esempio con alcune iniezioni quotidiane delle Nano-Bolle di Ossigeno, determina Difese Immunitarie più Forti, le quali, rafforzate, possono eliminare definitivamente il virus HIV consentendo alla Persona la guarigione dall'AIDS.
Cordiali Saluti

#2
Dr. Giovanni Beretta
Dr. Giovanni Beretta

Gentile lettore,

purtroppo la sua "realtà personale" non è confermata da alcun dato clinico serio e riproducibile e quindi al momento purtroppo non possiamo assolutamente dire o sostenere che esiste "una Cura Naturale per guarire dall'infezione provocata dal virus HIV".

Detto questo poi le ricordo che, in questa news, il suo intervento è completamente fuori tema e quindi la prego di fermarsi qui e di non procedere oltre nelle sue fantasie terapeutiche.

Un cordiale saluto.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche hiv 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Urologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati