Utente 468XXX
Buongiorno cari dottori, sono uno studente di Medicina e a breve spero di essere un vostro collega. Vi contatto perchè cerco rispiste ad alcune domande che non sono riuscito a riferire nella rapida (non per mio volere) visita con il mio specialista.
A causa di una sensazione di peso testicolare mi reco dall'andrologo che mi riscontra un varicocele di secondo grado a sinistra e il testicolo destro lievemente ridotto (26 mm) mi prescrive Ecocolor doppler, spermiogramma e dosaggio ormonale (sospetta un ipogonadismo). Ho fatto questi esami e i risultati sono stati i seguenti:
Ecocolordoppler compatibile con un quadro di iniziale 2 grado di varicocele a sinistra. Testicoli di normale consistenza e dimensioni (38 mm a sinistra e 37mm a destra). L'ecografista mi ha assicurato che ho testicoli normalissimi anche il destro che invece l'andrologo aveva riscontrato all'ecografia di ridotte dimensioni.

Spermiogramma: fra parentesi i valori di riferimento del laboratorio
Quantità 4.5 cc (1.5-6,0)
FLUIDIFICAZIONE aumentata (completa in 30')
VISCOSITÀ ridotta (normale)
REAZIONE pH 9.0 (alcalina)
NUMERO NEMASPERMI 15 milioni (22 - 70 milioni)
% NEMASPERMI ALL'EMISSIONE 74%
% NEMASPERMI DOPO 2h 70%
INDICE DI MOTILITÀ 50% (50-60)
NUM. SPERMATOZOI TOTALI (67.500.000)
PROVE DI FERTILITÀ 15 (fertile 15-80 sterile 0.1 - 5 scarsa fertilità 5-15)
CONCLUSIONI: normocinesia, oligozoospermia, 10% di elementi immaturi.

DOSAGGIO ORMONALE:
LH 5,41 mUI/ml (0,57 - 12,07)
FSH 3,48 mUI/ml (0,95-11,95)
PROLATTINA 11,86 ng/ml (3,46-19,40)
TESTOSTERONE TOT. 672 ng/dl (47 -980 fra 21 anni e 49 anni)
TESTOSTERONE LIBERO 15,6 pg/ml (19,8 -51,7 fra 20anni e 30 anni)

Durante l'ultima visita nella quale gli ho portato le suddette analisi, il dottore ha detto che pur essendo lo spermiogramma non catastrofico consiglia l'intervento. Le mie remore e i miei dubbi sono però sull approccio ormonale, dove non ho avuto tutte le risposte che volevo, e non sull'intervento per il varicocele. Il dottore ha riferito che diagnosi per il quadro ormonale non è ipogonadismo (come inizialmente ipotizzato) ma piuttosto una IPOTESTOSTERONEMIA (che significa???)
Mi ha prescritto TOSTREX gel 3 puff al dì per 2 mesi, io gli ho mostrato qualche remora poichè so che le terapie sostitutive sono terapie "a vita" e volevo pensarci un po' su. Nn volevo "mettere a riposo" sin da subito (ho 26 anni) le mie cellule di Lyding essendo i livelli di testosterone non proprio a zero. Ma lui mi ha garantito che questa terapia serve in 2 mesi a "risvegliare" le cell. di Lyding e nella gran parte dei casi simili ai miei dopo i 2 mesi di trattamento i testicoli si "risvegliano" e tornano a produrre testosterone (anche qui ho degli interrogativi???).
Volevo chiedervi in conclusione: Ho letto studi dove la risoluzion del varicocele migliorano i livelli di testosterone, è possibile questo? Ci sono rimedi naturali (stile di vita, integratori, dieta) efficaci per il mio caso? E la terapia con l'LH sarebbe indicata nel mio caso?

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Non sono d accordo su niente. Operare un varicocele di Ii grado non serve a niente come dosare il testosterone libero: non è preciso. Senta una altra campana. Personalmente fodere 17 beta due estradiolo poi valuterei il da farsi.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#2] dopo  
Utente 468XXX

Gentilissimo Dott. Cavallini la ringrazio per la sua risposta; l'idea di "sentire un'altra campana" già mi balenava in mente. Ad ogni modo vorrei sapere se ha qualche opinione relativa ai restanti quesiti che mi sono posto. E vorrei capire perchè può essere utile dosare il 17-beta-estradiolo.

La ringrazio
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Il rapporto fra testosterone e 17 beta 2 estradiolo indica in assetto genetico che può alterare la produzione di dpermatozoi. Tale alterazione è correggibile. Dati noti da 15 anni. Senta una altra campana
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#4] dopo  
Utente 468XXX

La ringrazio.
Cordiali Saluti