Utente 412XXX
Ho subito da poco incisione collo vescicale e sono in attesa vedere risultati sperati..
IL problema mio è però un altro, che i medici hanno riferito a cause tutte diverse e senza mai soluzioni.
Due anni fa, prima di prendere qualsiasi farmaco per problemi minzione e prima intervento, ad un certo momento l'orgasmo è praticamente scomparso ed anche l'eiaculazione , da essere abbondante, è divenuta ridottissima e con pochissimo getto, mentre prima era notevole. Carenza desiderio.
Il problema alla vescica aveva causato più volte infiammazioni e necessità di antibiotici.
Da anni assumevo paroxetina 20 , che avvo ridotto a mezza cp, ma senza problemi, anzi la sessualità era più lunga e piacevole, dandomi maggiore sicurezza..
Ribadisco ch e questo problema è antecedente all'intervento ed all'assunzione di xatral per cui non è eiaculazione retrograda ma proprio riduzione..
E' seguita, dopo 8 9 mesi,improvvisa riduzione anche notevole erezione ..con esplodere depressione, per cui ora assumo sertralina 50 mg

Quale la causa e soprattutto si può fare qualcosa?L' urologo si è naturalmente concentrato su problema maggiore della vescica che appunto ha reso necessario intervento, visto anche un episodio di ritenzione..
Che posso tentare, a chi rivolgermi???
A 48 anni non mi sento di arrendermi
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore, penso sia necessario eseguire ecografia prostatstica transrettale , esami ormonali e consultare esperto collega con competenza specifica
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#2] dopo  
Utente 412XXX

Gent.mo Dott,ho già eseguito più volte questi esami.
L'eco transrettale ha evidenziato prostata ingrossata con adenoma anche centrale, rare calcificazioni.

Gli esami ormonali avevano dapprima dato un valore basso, 2,8, poi dietro consulenza ho fatto punture 2 di testosterone undecanaoto a rilascio prolungato (x verità dott aveva detto di farne una terza) ed il testosterone,prima aumentato a 7 , a distanza di un anno e mezzo da ultima puntura,si è mantenuto in range buono, 4,8,,anche a detta di urologo che mi ha operato.
Ha anche detto che con barba capelli etc non sembro paziente con problemi ormonali..
Non è cmq migliorata eiaculazione,e di pochissimo orgasmo.
Ho anche fatto eco scrotale e per fortuna questo esame ha da subito dato valori normali..
Ricordo che insieme antibiotici e paroxetina anche ho iniziato gastroprotettori...
Ogni suggerimento mi è utile..
Come trovo qualcuno con competenza specifica?

[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Il suo problema può derivare da visto prostatiche (che non ha vista eco) ormoni (eV lo rifaccia), nervi ( si vede alla visita), ansia e farmaci (ci sono entrambi). Solo chi la visita può dire qualcosa di buono
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org