Utente 471XXX
Buonasera, vi scrivo sperando in una vostra opinione circa l'opportunità o meno di un consulto specialistico con un andrologo della mia zona in base al risultato di esami del sangue recenti.
Riscontro negli ultimi mesi un notevole calo del desiderio sessuale, nel senso che a mancare sono principalmente le fantasie più che l'erezione che non ho problemi ad ottenere e mantenere durante il rapporto. È che non arrivo più al rapporto sessuale con un livello di eccitazione molto alto, piuttosto lo inizio facendomi venire la voglia man mano, ma senza quell'urgenza che era abituale fino a un annetto fa. Anche durante il rapporto è come se non riuscissi più a "perdere la testa", cioè lasciarmi andare completamente al momento e alle fantasie. Soprattutto la capacità di eccitarsi col pensiero è venuta meno, cosa che riscontro anche nel fatto che non ho più come ad un passato abbastanza recente il desiderio di vedere materiale pornografico e, se lo utilizzo, ho un' erezione molto debole e "lenta" senza stimolazione, erezione che tra l'altro perdo velocemente senza stimolazione costante. È come se mentalmente non mi eccitassi più tanto e anche l'intensità dell'orgasmo è piuttosto deludente, nel senso che la parte migliore sono proprio i momenti immediatamente precedenti.
Sono preoccupato perchè ho letto diverse notizie circa sintomi post-ssri, farmaci che ho assunto in maniera abbastanza costante per otto anni (entact) sebbene in dosaggi molto bassi. Durante l'assunzione dei farmaci non ho mai avuto problemi del desiderio (anzi!), tutto è iniziato nell'ultimo anno in cui, nonostante i farmaci, ho iniziato a scivolare lentamente in una depressione, complici anche le notizie che nel frattempo avevo letto circa i possibili danni a lungo termine provocati da questa tipologia di farmaci. Ad abbattermi è soprattutto un ottundimento emotivo, un'anedonia che ha investito quasi tutte le sfere, finanche quella musicale.
Così, d'accordo con uno psichiatra, ho deciso di sospendere l'entact per recuperare emotività e provare a vedere se non fosse il farmaco ad abbattermi. Le cose sono andate bene per qualche mese, ma dopo un periodo di forte stress lavorativo, sono piombato in una depressione abbastanza forte, con sintomi ansiosi. Con l'insorgere di questi stati depressivi la mia già decadente libido ha avuto un'ulteriore flessione.
Ho iniziato ad assumere trittico contramid (150): già a questa dose ho avuto erezioni migliori (quasi come quelle dei tempi passati), ma tre casi di eiaculazione retrograda. Ho dimezzato il trittico e il problema sembra risolto, sebbene il volume dello sperma sia decisamente calato.
Ho misurato il testosterone totale ed è risultato 2,11 ng/ml (nel kit è indicato un range normale per la mia età tra 1,75-7,81).
Sembrerebbe nella norma, per quanto basso, ma leggendo on-line e secondo il mio medico curante dovrebbe essere minimo a 3-3,5. La prolattina è 6,7 ng/ml, il psa 0,89.
Volevo sapere cosa ne pensate a riguardo rispetto alla possibilità che l'entact possa aver ridotto il mio testosterone, creandomi di conseguenza questo senso di abbattimento, e se il livello misurato meriti una ulteriore visita specialistica per altre indagini. Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la disfunzione erettile é la risultante di un alterato equilibrio del meccanismo neuro-vasculo-ormonale,con scontati riverberi psicologici.Nel suo caso, non v'é dubbio che gli aspetti iatrogenici,legati alla terapia con SSRI,giochino un ruolo sicuramente più decisivo rispetto ai tassi del testosterone totale, peraltro normali.Ritengo che il ricorso alla professionalità dei un esperto andrologo sia necessario,ponendo una rigorosa diagnosi a 360 gradi, anche per impedire banalizzazioni potenzialmente dannose, quali autosospensione di terapia necessarie e/o nevrotizzazioni sui tassi ematici del o degli ormoni,dimenticando che questi ultimi hanno una valenza quantitativa e non qualitativa.Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#2] dopo  
Utente 471XXX

Gentile dottor Izzo, la ringrazio intanto per la rapida risposta.
In realtà il problema che mi ha portato ad allarmarmi non è tanto legato alle erezioni che, seppur meno forti (soprattutto quelle mattutine o spontanee sono quasi assenti), riesco ad ottenere e mantenere.
Il problema è legato alla mancanza del desiderio nonostante la sospensione di ssri da ormai 5 mesi (il problema sembra anzi quasi sorto in seguito alla sospensione) e agli orgasmi "asciutti" che ho avuto dopo l'inizio della terapia con Trittico. Anche il volume dello sperma, come ho già segnalato, sembra decisamente diminuito anche dopo periodi non brevi di inattività.
Ieri ho fatto una visita andrologica e il medico, dopo avermi visitato e trovato pene, testicoli e prostata in salute, ha ritenuto che il testosterone fosse basso e mi ha consigliato di ripetere gli esami presso un nuovo laboratorio.
In base al risultato (se il livello continuerà ad essere sotto 3,5) deciderà o meno di iniziare una terapia.
Nel frattempo valuterò insieme allo psichiatra se continuare col Trittico, che non sta dando buoni risultati sul lato depressivo anche perchè lo tollero ad una dose probabilmente insufficiente affinchè sia efficace in tal senso, oppure cambiare molecole continuando ad evitare gli ssri.
La ringrazio, vi aggiornerò se, in base alle nuove analisi, mi sarà consigliato l'inizio di una terapia specifica per il testosterone.
Cordialmente

[#3] dopo  
Utente 471XXX

Buonasera, aggiorno la discussione con i dati delle nuove analisi eseguite.
Testosterone totale 1,92.
Sono un po' preoccupato, non riesco a capire quale possa essere la causa non avendo mai fatto in passato altre misurazioni.
Certa è la scarsità del desiderio sessuale che riscontro da alcuni mesi.
L'andrologo mi ha detto che dovrò iniziare la terapia sostitutiva.
Credete mi convenga attendere di superare questo periodo di stress che sto vivendo e ripetere gli esami tra un po', oppure iniziare la terapia non comporterà rischi di sorta?
In famiglia c'è una certa familiarità con problemi prostatici (un bisnonno con ipertrofia prostatica, due nonni con tumore alla prostata, ma non se ne sono andati per questo motivo) e un padre in procinto di intervento per ipertrofia prostatica (sofferente da diversi anni).
Io mio psa è 0,89, l'esplorazione prostatica dell'andrologo non ha riscontrato problemi.
Gradirei un parere circa l'opportunità di intraprendere questo trattamento.
Grazie!

[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...condivido la strategia terapeutica proposta dal collega, vista la carenza del testosterone totale.Analogamente,credo che una rivalutazione della terapia psichiatrica possa sortire effetti favorevoli.Ci aggiorni in seguito,se ritiene.Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#5] dopo  
Utente 471XXX

Buonasera, aggiorno la richiesta con i nuovi esami eseguiti.
Ho preferito non iniziare la terapia con gonasi che mi aveva prescritto l'andrologo (ho 34 anni e il livello del testosterone totale delle ultime analisi era 1,92), scegliendo di rifare gli esami dopo un mese e mezzo dalla sospensione del farmaco Trittico che mi aveva dato episodi di orgasmo asciutto.
Ebbene, non so se dipenda direttamente dalla sospensione del farmaco, ma il testosterone totale è salito senza alcuna terapia a 3,34 ng/ml!


Albumina 5,1 g/dl 3,5 - 5,2

FSH 2,3 mUI/ml 1,5 - 12,4

17 Beta Estradiolo <5.00 pg/ml 11,3 - 43,2

LH 3,2 mUI/ml 1,7 - 8,6

Testosterone 3,34 ng/ml 2,49 - 8,36

Cortisolo 7,07

Prolattina 5,19 ng/ml 4,04 - 15,20

SHBG 27,9 nmol/l 18,3 - 54,1

Diidrosterone (DHT) 314 pg/ml 250 - 990

Ho fatto il calcolo del testosterone libero e biodisponibile:

Libero: 0.0666 ng/mL = 1.99 %
Biodisponibile: 1.84 ng/mL = 55.1 %

Tutti i valori sembrano nel range di riferimento, tranne il 17 Beta Estradiolo basso.
Potreste dirmi cosa comporta questo valore fuori range?
Devo dire comunque che la pulsione sessuale non è migliorata di molto anche se il livello del testosterone è salito. Non ho problemi di erezione, ma è come se non mi sentissi mai allupato come prima di marzo 2017, periodo in cui ho iniziato a percepire questo calo del desiderio e dell'eccitabilità.
Grazie mille per le gentili risposte!

[#6] dopo  
Utente 471XXX

Nessun parere?
grazie

[#7] dopo  
Utente 471XXX

Possibile che nessun medico possa rispondere?
Grazie

[#8] dopo  
Utente 471XXX

Aggiorno la richiesta con i nuovi esami eseguiti.
Ho preferito non iniziare la terapia con gonasi che mi aveva prescritto l'andrologo (ho 34 anni e il livello del testosterone totale delle ultime analisi era 1,92), scegliendo di rifare gli esami dopo un mese e mezzo dalla sospensione del farmaco Trittico che mi aveva dato episodi di orgasmo asciutto.
Ebbene, non so se dipenda direttamente dalla sospensione del farmaco, ma il testosterone totale è salito senza alcuna terapia a 3,34 ng/ml!


Albumina 5,1 g/dl 3,5 - 5,2

FSH 2,3 mUI/ml 1,5 - 12,4

17 Beta Estradiolo <5.00 pg/ml 11,3 - 43,2

LH 3,2 mUI/ml 1,7 - 8,6

Testosterone 3,34 ng/ml 2,49 - 8,36

Cortisolo 7,07

Prolattina 5,19 ng/ml 4,04 - 15,20

SHBG 27,9 nmol/l 18,3 - 54,1

Diidrosterone (DHT) 314 pg/ml 250 - 990

Ho fatto il calcolo del testosterone libero e biodisponibile:

Libero: 0.0666 ng/mL = 1.99 %
Biodisponibile: 1.84 ng/mL = 55.1 %

Tutti i valori sembrano nel range di riferimento, tranne il 17 Beta Estradiolo basso.
Potreste dirmi cosa comporta questo valore fuori range?
Devo dire comunque che la pulsione sessuale non è migliorata di molto anche se il livello del testosterone è salito. Non ho problemi di erezione, ma è come se non mi sentissi mai allupato come prima di marzo 2017, periodo in cui ho iniziato a percepire questo calo del desiderio e dell'eccitabilità.
Grazie mille per le gentili risposte!