Utente 500XXX
Buongiorno,vorrei chiedere un consulto...ho da qualche giorno ho a volte dei fastidi al testicolo destro e ultimamente ho notato che il dolore proviene dal glande o corona (perché aumenta se la schiaccio)...a volte i fastidi si propagano anche nel pube.cosa può essere??
Premetto che da qualche mese soffro anche di intestino irritabile e al momento sono ancora in fase di sintomi attivi,può dipendere da quello?grazie in anticipo.

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

non faccia autodiagnosi affrettate; ora è bene sentire o risentire in diretta il suo andrologo di fiducia.

Detto questo, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problemi di natura andrologica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sempre sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-la-prevenzione-andrologica-nell-eta-pediatrica-e-puberale.html

Qui potrà anche trovare tutte le raccomandazioni su come fare correttamente l'autopalpazione del testicolo.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 500XXX

Buona sera egregio dottore,riporto di seguito referto di ecografia scotali:
-didimi ed epididimi in sede,regolari per forma,dimensioni ed ecostruttura.
-non idrocele.
-non varicocele.
-borse scrotali regolari.
Ora perché questo fastidio al testicolo destro perdura ormai da 20-25 giorni?raramente da fastidio diventa doloretto sempre sopportabili siamo con tipo scosse di qualche istante e niente più solo che ho sempre la sensazione di scomodità del testicolo...a volte però ho anche fastidio nella zona del pube il problema potrebbe partire da lì?o dall basso schiena che a volte ho dolori anche lì che di rado arrivano fino dietro la coscia....senza contare il colon irritabile diagnosticato un mese fa che non so se può dare anche questi sintomi.
Aggiungo anche che negli ultimi 6-7 mesi ho pressoché azzerato i rapporti sessuali che fino ad allora erano con una media di 1-2 la settimana.lo scroto è sempre rilasciato in maniera secondo me esagerata.
Il mio medico curante pensa che e solo questione di stress e ansia (tanti negli ultimi mesi)e crede che sia il caso di stare tranquillo e niente più...io invece sto valutando visita specialistica da un urologo e nel frattempo vorrei sapere il vostro parere .
Certo di risposta porgo distinti saluti

[#3] dopo  
Utente 500XXX

Aggiungo anche che a volte,non sempre,avverto leggerissimi fastidi durante la minzione e per questo ho già fatto esame urine e urinocoltura con esiti nella norma e negativi...rimane questo fastidio e lo scroto che a mio dire mi sembra enorme come non mai ( anche se non posso essere certo della grandezza in quanto prima mai avevo fatto caso alle sue dimensioni).

[#4]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

saggio, a questo punto, valutare una visita clinica in diretta con il suo urologo od andrologo di fiducia.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#5] dopo  
Utente 500XXX

Buongiorno....risp a distanza di un anno.
Al tempo feci la visita dall'urologo,riportando quanto segue:

VISITA UROLOGICA
Da circa un mese riferisce fastidio emiscroto destro.nega significativi disturbi minzionali,salvo lieve aumento della frequenza.rara stranguria.nega ematuria.alvo alterato (già studiato:diagnosi colon irritabile).
Nega alterazioni del liquido seminale e secrezioni uretrale.nega deficit erettile.eiaculatio precox da sempre.fistola sacro-coccigea nel 2002.lombalgia da tempo.non altri elementi di rilievo.non assume farmaci e ne nega farmaci. Intollerante al lattosio.
Porta in visione:
- ecografia scrotale (26/07/2018): negativa no varicocele
- ecografia addome completo (16/07/2018): negativa,prostata di 17mL
- ecografia tiroide e TSA (16/07/2017): negativa
- esame urine ed urinocoltura (24/07/2018): negative
- esami ematochimici (11/06/2018): nei limiti.
E.O. pene normocormato.didimi ed epididimi nella norma
E.R. prostata lievemente pastosa e dolente

Ritengo il dolore scrotale riflesso della problematica lombalgia,eventualmente meritevole di valutazione fisiatrica.
Per la prostatite si consiglia:
-rapporti protetti per 4 mesi
- eiaculare almeno 3 volte alla settimana
-PROFLUSS 1CP al giorno per 2 mesi
Levoxacin 500 mg 1 cp al giorno per 30 giorni
Fluumucil 600 mg cpr efferv 1 al giorno per 20 giorni
-fermenti lattici durante tutto il trattamento antibiotico.


La terapia mostrò gli effetti sperati e avevo lasciato alla spalle quel brutto periodo.
Ora a distanza di quasi un anno i sintomi sono ritornati anche se in maniera molto molto più lieve.unica differenza e che dopo un rapporto sessuale ho difficoltà ad urinare,nel senso che ho come la sensazione che qualcosa non dia passaggio libero del tutto all'urina.
Potrebbe essere tornata la prostatite?potrebbe essere collegata al cambio stagione,magari con il colon irritabile,visto che si presenta per la seconda volta nello stesso periodo?l'unica modifica che feci al tempo,per disattenzione, fu l'assunzione di PROFLUSS, feci 1 mese anziché 2.
Ora il mio medico curante mi ha consigliato di ripetere la terapia,ed eventualmente nuova visita UROLOGICA.
Vorrei conoscere il vostro parere.
In attesa di risposta porgo distinti saluti

[#6]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Segua le corrette indicazioni ricevute dal suo medico di famiglia.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com