Utente 480XXX
Gentili dottori, dopo avere riferito al mio medico curante che, quando urinavo il flusso con cui usciva l'urina era piuttosto debole, nel frattempo che prenotavo la visita urologica, mi ha prescritto cialis 5mg una compressa al giorno per 2 mesi, a suo dire mi avrebbe aiutato per questo disturbo. Dopo 12 giorni che ho iniziato la cura, devo dire che urino con molta più facilità e la forza del flusso è aumentata, non solo, ho delle fantastiche erezioni da 20nne, prima non avevo problemi, riuscivo a portar avanti un rapporto senza grossi problemi, però adesso il turgore del pene è aumentato mi ricorda le erezioni che avevo a 20 anni. La domanda che vi pongo di è questa: mi sento un poco il pene dolorante all interno, per intenderci è come lo sentivo da giovane dopo aver eiaculato 3/4 volte durante il giorno e poi il mio glande è diventato molto più sensibile non in fase di eccitazione ma dopo aver eiaculato, mentre prima continuavo tranquillamente nella stimolazione, anzi provavo ancora piacere anche dopo aver eiaculato, adesso dopo l'orgasmo mi è impossibile continuare la stimolazione perché il fastidio che provo me lo impedisce. Tutto questo può essere dovuto al maggiore afflusso di sangue nel pene, che irrorando i tessuti e quindi dilatandoli può portare a questa lieve dolorablta ' all interno del pene? Quella che mi da più fastidio è questa sensibilità forte al glande. Grazie

[#1]  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
SALERNO (SA)
NAPOLI (NA)
BENEVENTO (BN)
CASERTA (CE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,quella sessuale è un funzione dinamica ed in ...divenire.Si accontenti di ciò che ci trasmette,non si parametri con il passato e,quanto alla dolenzia riferita,lasci che sia uno specialista esperto a valutare il benessere dei corpi cavernosi con una visita diretta ed un ecocolordoppler penieno dinamico.
Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#2] dopo  
Utente 480XXX

Gentile Dr. Pierluigi Izzo,la ringrazio per la sua risposta,ed al riguardo volevo dirle che ho già prenotato la visita urologica/andrologica. Intanto il lieve dolore che avvertivo all'interno del pene con il passare dei giorni è scomparso,è rimasta questa aumentata sensibilità al glande, dopo aver avuto un orgasmo,cosa che prima di iniziare la cura non avevo e, non per fare parametri col passato,ma mi ricorda la sensibilità che avevo al glande da ragazzo e che poi col passare degli anni è (penso) fisiologicamente diminuita.Mi può dire qualcosa al riguardo?Grazie e cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
SALERNO (SA)
NAPOLI (NA)
BENEVENTO (BN)
CASERTA (CE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...é necessario valutare l'afflusso arterioso nel circolo penieno,nonché l'equilibrio metabolico generale e genitale.
Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it