Utente
Ho avuto un rapporto a rischio.


A 4 mesi ho fatto test per hiv sifilide epatiti con risultato fortunatamente negativo.


A 6 mesi ho fatto una visita specialista visiva sui miei genitali nella quale non vi era nulla di anomalo.


A 7 mesi mi è stata fatta peniscopia con applicazionee acido acetico nella quale non veniva rilevato nulla di anomalo.


Si può escludere una infezione da hpv così come mi ha riferito lo specialista.



Grazie

[#1]  
Dr. Domenico Trotta

16% attività
8% attualità
0% socialità
SALERNO (SA)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2019
Le possibili infezioni da rapporto a rischio sono diverse. Le principali e le piu’ temibili le sono state escluse con gli esami di laboratorio e l’esame clinico da lei effettuato.
Altri provvedimenti, a giudizio del medico specialista, che si potrebbero prendere in considerazione, sono l’esame del liquido seminale, l’esplorazione rettale, un attento esame clinico e dell’area genitale. In base a questo puo' essere utile a distanza di tre mesi un nuovo controllo di laboratorio, comprensivo anche di test per clamidia e gonorrea . Va ricordato che ogni rapporto sessuale puo` comportare rischio di flogosi e/o infezione sessuale. D’altro canto astenersi dal rapporto sessuale per paura di infezioni puo` di per se creare problematiche psicosessuali. Nei rapporto occasionali e/o a rischio e` sempre consigliabile l’uso di profilattici.
Dr. domenico trotta

[#2] dopo  
Utente
Veramente a 6 mesi avevo anche ripetuto tutti i test aggiungendo anche Clamidia e gonorrea. Lo specialista mi aveva dato il tutto per definitivo. E di mettermi questo episodio alle spalle .
Non è così ?