Utente
Salve, sono un  giovane ragazzo, premetto che non sono abbastanza dotato (ne ancora del tutto sviluppato in generale) ma in teoria col tempo la situazione dovrebbe migliorare all incirca.
O almeno spero.
Comunque... Avrei più di una domanda, la prima è la seguente:

1 Fino a quando cresce il pene?
Io so fino ai 21 anni ma non so se sia davvero così.


2 Quando mi masturbo non riesco a far uscire tutta la cappella, c'è il frenulo che me lo impedisce, non sono circonciso, forse si potrebbe trattare di "fimosi non serrata"?
(non lo so onestamente, vado per ricerche su internet).
Durante un rapporto sessuale questo potrebbe recarmi dolori o no?
Premetto che durante la masturbazione non mi da nessun tipo di problema.
Onestamente non vorrei operarmi (come c'è scritto un po' ovunque sul web come soluzione per questo "problema".


3 Prima scrissi che non ero molto dotato, perciò ho una domanda anche su quello.
Vedendomi ancora non sviluppato del tutto, ne fisicamente ne sessualmente, potrei all incirca farmi un idea sullo sviluppo osservando mio fratello maggiore?
Non ci facciamo problemi a stare in bagno insieme essendo appunto fratelli, perciò so le sue dimensioni.
Quindi... avendo all incirca i stessi geni dovrei in futuro averlo come lui di dimensioni giusto?


4 mi capita spesso di dover andare in bagno anche quando in realtà la vescica è poco piena, sembra quasi mi dia fastidio fisico trattenerla.
Mi chiedevo... Può essere che è legato proprio alla vescica che non è ancora sviluppata?
Questo può centrare con lo sviluppo del pene?


Grazie in anticipo per eventuali risposte, mi fareste sentire molto meglio.

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

problemi complicati e non facili da risolvere da questa postazione.
Detto ciò poi, come spesso ripeto da questo sito e vista la sua giovanissima età, approfitti di questi, problemi, "disturbi-malesseri" e non sicurezze, per conoscere finalmente, se non ancora fatto, il suo andrologo di fiducia.

Impari dalle sue compagne e dalle donne che la circondano che sicuramente, alla sua età, già conoscono il loro o la loro ginecologa.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/