Spermiogramma anomalo

Buonasera dottori, sono un ragazzo di 25 anni con varicocele bilaterale (3 grado sinistra, 2 a destra)

Prima di operarmi di varicocele sinistro, a gennaio 2019, il mio spermiogramma era normalissimo (per volume di spermatozoi, motilità, ecc...).
Sono stato operato con la tecnica della legatura alta e ho fatto una cura con spergin 20 e spergin q+ per 3 mesi.

A distanza di un anno ho avuto una recidiva a sinistra, con annesso idrocele e così l'urologo mi ha consigliato di rifare lo spermiogramma, questo è il risultato:
-Aspetto: Bianco-grigiastro
-Liquefazione: completa
-Viscosità: Normale
-Ph: 8, 0
-Volume 3, 2 ml
-Concentrazione spermatozoi: 1.9 milioni/ml (valore riferimento >20 milioni/ml)
-Numero totale degli spermatozoi: 6.1 milioni (valore riferimento <39 milioni)
-Concentrazione spermatozoi mobili: 0.6milioni/ml
-Numero totale spermatozoi mobili: 1.9 milioni
- Motilità totale: 32% (Valore riferimento >40% A+B+C e >32% A+B)
-Tipo "A"- progressione rapida: 10%
-Tipo "B"- Progressione lenta o irregolare: 15%
-Tipo "C"- Motilità non progressiva 7%
-Tipo "D"- Spermatozoi immobili 68%
-Vitalità: 40%

-Forme normali: 90%
-Anomalie testa: 3%
-Anomalie del tratto intermedio: 2%
-Anomalie della coda: 2%
-Anomalie multiple: 2%
-Residui citoplasmatici: 1%
-Cellule rotonde < 5 milioni/ml
-Leucociti <1 milioni/ml
Emazie: assenti.


Il quadro è allarmante come penso?
Sono un ragazzo molto emotivo e sto già male.
Ma come è possibile che era meglio prima di operarmi che dopo?
Cosa potrei fare?
Aiutatemi a trovare una risposta per piacere.
[#1]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 55k 1,2k 1k
Gentile lettore,

già riconsultato il suo chirurgo di fiducia?

Bene comunque in questi casi ripetere l’esame in un laboratorio dedicato e che segua le ultime indicazioni date dall’OMS nel 2010.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione diagnostica mirata e poi eventualmente, quando è possibile, anche una prospettiva terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test