Utente 455XXX
Salve e grazie a chiunque vorrà rispondere. A luglio ho dovuta sottopormi ad una gastroscopia che ha evidenziato la presenza di una piccola ernia iatale da scivolamento + infiammazione cronica lieve + reflusso alcalino duodeno gastrico. La presenza di bile nello stomaco mi ha portato a fare eco per controllare le vie biliari e mi è stato trovato un calcolo di 15mm. Il chirurgo al quale mi sono rivolta mi h consigliato l'operazione e mercoledì 8 ho fatto il prericovero. Ora, la mia paura principale è il fatto di essere asmatica. Il mio Intervento è fissato per il 21 novembre e lunedì 13 dovrò farei spirometria per controllare il grado di asma e capire se la cura che faccio va bene ( singulair + puff di flutiformo 125 prima di andare a letto e 1 puff flutiformo al mattino). È successo tutto davvero velocemente e ora sono piena di dubbi. La mia asma sarà un grosso problema? Ho paura di poter avere gravi problemi respiratori e non mi è stato ancora spiegato in che modo si procederà con la mia asma...mi scuso se possono sembrare domande sciocche, ma sono davvero preoccupata. Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Buon giorno, premesso che i pazienti affetti da asma in terapia come nel suo caso possono essere operati, a monte ci deve essere un accurato studio della funzionalità respiratoria ( cosa che lei dovrebbe aver fatto) cui, se l'anestesista lo ritiene opportuno, segue una preparazione farmacologica. Questa è la procedura, poi l'anestesista valuta paziente e studio preoperatorio ed assegna la classe di rischio. La classe più bassa è ASA I, quella di un paziente sano oltre la malattia per cui è candidato all'intervento, ma si possono operare anche pazienti con rischio più alto.
Spero di essere stata esauriente, saluti.
La consulenza e' prestata a titolo
puramente gratuito secondo lo stile MedicItalia
Dottoressa Anna Maria Martin