Utente 490XXX
Salve, da un mese è stato accertato che mio padre di anni 64, soffre di fibrillazione atriale, a causa di una Mav mio padre non può assumere anticoagulanti. La terapia anti ritmica, cardarone 200 una cp la mattina, non è riuscita a far cessare la fibrillazione e nell’arco di un mese sono state effettuate tre cardioversione per ripristinare i battiti. Hanno consigliato chiusura percutanea. Può dirmi se in soggetti affetti da Mav può essere praticata? È un intervento invansivo? La ringrazio anticipatamente

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci

32% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Nel titolo se nel testo si parla della chiusura di un DIA che immagino non sia il problema.

Il paziente dovrebbe essere trattato con ablazione percutanea della fibrillazione atriale.

Procedura che può effettuare tranquillamente in presenza di MAV

GI
Per visite Ospedale San Raffaele:

https://www.clickdoc.it/prenota-visita/34600/giuseppe-iaci-cardiochirurgo

[#2] dopo  
Utente 490XXX

Si parla di chiusura percutanea dell’auricola sinistra. I rischi di questo intervento?

[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci

32% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Anche la chiusura dell'auricola sinistra, può essere fattibile a basso rischio.
La fibrillazione atriale, al contrario dell'ablazione rimarrebbe, ma in entrambi i casi si eliminerebbe la necessità di anticoagulante.

GI
Per visite Ospedale San Raffaele:

https://www.clickdoc.it/prenota-visita/34600/giuseppe-iaci-cardiochirurgo

[#4] dopo  
Utente 490XXX

Grazie mille per la sua gentile e tempestiva risposta.