Utente 487XXX
Buongiorno,
sono un ragazzo di 22 anni, alto 1.75 per 75/76kg ho sempre giocato a calcio e ad intermittenza praticavo pesistica in palestra, ho effettuato gli ultimi esami del sangue qualche mese fa che hanno evidenziato il colesterolo leggermente alto insieme all’acido urico. Non fumo, ne faccio abuso di alcool.
Da 2/3 settimane percepisco questo fastidio al torace in momenti casuali, non è dolore vero e proprio ma alle volte si presenta con pesantezza al braccio sinistro e stanchezza generale. Da qualche giorno ho anche qualche fitta alla schiena nella parte centrale sotto l’ultima costola. mi premeva avere un ulteriore consulto medico.
Svolgo tranquillamente allenamento 2 volte a settimana e la domenica la partita, altre due volte mi alleno in palestra senza impedimenti.
Focalizzo il fastidio sopratutto prima di andare a dormire, il che mi genera ansia e insonnia. A volte mi viene molto caldo, ma non ho mai avuto né svenimenti ne vertigini, ne confusione. Non ho difficoltà di respirazione e se respiro profondamente non sento il fastidio.
Avendo paura di un infarto, ho effettuato ecocardiogramma, elettrocardiogramma e ecodoppler, evidenziando una leggera bradicardia dovuta al mio continuo movimento e allenamento, tutti gli esami hanno avuto risultati negativi riguardanti inspessimenti o occlusioni di arterie / vene, nessun deposito lungo le coronarie e flusso nella norma. Ho l’atrio sinistro leggermente dilatato ma il cardiologo mi ha detto di non preoccuparmi. Escludendo momentaneamente dunque il cuore. La cosa non mi ha però messo tranquillo ed infatti anche negli ultimi giorni avendo sempre lo stesso tipo di fitte, mi son preoccupato ancora.
Il dottore ha detto che potrebbe avere origine gastrointestinale mentre l’osteopata che potrebbe essere di genere strutturale o una gastroduodenite. La cosa che mi preoccupa è che dura da più di 2 settimane.
Cosa potrebbe essere? Soltanto ansia?

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Paiono proprio sintomi nevritici intercostali...
Il suo medico potrà prescriverle dei banali antinfiammatori con risoluzione del quadro

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 487XXX

Grazie mille dottore, speriamo sia così, come farmaci lei cosa consiglia?
Mi consiglia anche di fare un Holter 24h o no?

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Non ne vedo francamente il motivo
Arrivederci


cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 487XXX

Quindi posso escludere anche la possibilità di un eventuale infarto?
Sono un po’ ipocondriaco...

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
L' ipocondria e' un problema che curano gli psicologi e gli psichiatri e non i cardiologi.,

Con questo la saluto

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente 487XXX

Grazie mille dottore, speriamo in nulla di grave!
Buona pasqua

[#7] dopo  
Utente 487XXX

Salve dottore, le volevo chiedere una cosa, da stamattina ho iniziato ad avvertire di nuovo delle fitte all’altezza de capezzolo sinistro però senza alcun segno di nausea e dolore al braccio sinistro, come un ago che punge. Se respiro profondamente lo sento più intenso. Il battito sembra regolare, sui 52/54 battiti al minuto.
Cosa potrebbe essere?

[#8] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Certo non un dolore cardiaco.

La rimando alla mia risposta n* 5

arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#9] dopo  
Utente 487XXX

Fidandomi di lei, ho preso appuntamento con uno psicologo la scorsa settimana. Ma volevo avere questo consulto, mi fa piacere che mi dica che non sia di origine cardiaca, il che mi tranquillizza molto in questo momento.
Avere parere di specialisti è sempre utile ed è sempre un piacere. La ringrazio davvero

[#10] dopo  
Utente 487XXX

Secondo lei dovrei consultare un neurologo?

[#11] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Non un neurologo, uno psichiatra.
Quando ci sono questi problemi occorre qualcuno che la aiuti

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#12] dopo  
Utente 487XXX

Mi dispiace sentirmi così “ accusato “ siccome non mi sento malato , non mi sono mai preoccupato per nulla ma siccome questo fastidio perdura da un po’ e si trova in una posizione vitale, ad altezza del cuore, ho avuto stanchezza generalizzata ecc
Semplicemente mi preoccupo per questi sintomi
Già che lei mi dice che non sono sintomi cardiologici, mi tranquillizza, sentendo il parere di due diversi cardiologi, son abbastanza tranquillo. Non mi tranquillizza il fatto che il dolore perduri e non è un dolore psicologico anche secondo il mio dottore di base.
Secondo lei, cosa potrebbe essere?

[#13] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
La rimando alle mie risposte precedenti
Nelle quali ho escluso il problema cardiaco
Ed io faccio il cardiologo

La saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#14] dopo  
Utente 487XXX

Potrebbe essere qualcosa di polmonare?

[#15] dopo  
Utente 487XXX

Perché da oggi ho iniziato a sentire dolore a seguito di una respirazione profonda, come un ago conficcato sempre all’altezza del capezzolo sinistro.