Ansia, tachicardia

Gentili medici,

È con forte preoccupazione che ho deciso di iscrivermi a tale community, al fine di chiedere un consulto che possa definitivamente (o almeno spero) aiutarmi.
Racconterò tutto dal principio. Aprile 2016. Da mesi, ero in perenne ansia per gli ultimi esami universitari, bevevo molto caffè (5/6 al giorno, di cui uno o due la sera, durante la fase di studio notturna) ed ero (come lo sono ora) oberato da pensieri di varia natura.
Una mattina mi sveglio, dopo essere tornato da una festa ed aver dormito solo due ore, e per stare sveglio ho assunto tre o quattro tazze di caffè nell'arco di quattro ore. Nel pomeriggio, in un momento di forte stanchezza, lo sento: un sussulto, che si trasforma in pochi minuti in una violenta tachicardia. Faccio chiamare un'ambulanza, ho avuto un forte attacco di panico, e la tachicardia è passata soltanto dopo aver parlato con il primario dell'ospedale, il quale mi ha dato da bere alcune gocce di un tranquillante (non ricordo quale) e dicendomi che era tutto ok, dopo aver fatto due ECG (una in ambulanza e una durante la forte tachicardia).
Passavano i giorni, ma continuavo ad avere attacchi di panico, non appena avvertivo una qualsiasi sensazione al petto (fitta, formicolio/tensione/dolore al braccio sinistro, ecc).
Il mio cardiologo, dopo l'ennesima ECG, mi ha detto di assumere Lexotan e valeriana (questa di sera) per un po' di tempo, al fine di "ristabilizzare i miei nervi".
Per alcuni mesi, non ho avuto più nulla, ma da quest'estate in poi è tornata la sensazione di panico che continuo ad avere tutt'ora non appena avverto una qualsiasi cosa (dolore a sinistra del petto, fitta intercostale, senso di schiacciamento al petto, e via dicendo), perdo la ragione e non posso far altro che assumere valeriana (una compressa) oppure alcune gocce di lexotan (che continuo ad assumere a prescindere non appena alzato).
La mia paura ? Quella di avere un infarto, e di morire sul colpo. È una fobia ogni volta.
Eppure, pratico crossfit da sei mesi, lavoro ad alta intensità, non saprei come possa veramente essere un infarto.
Un'altra ECG fatta nemmeno una settimana fa mi ha confermato che sto bene, ma continuo a spaventarmi, spesso quando sono in mezzo alla gente (amici in primis) , avendo paura di allarmarli e di far preoccupare anche me!

Vi chiedo umilmente di fornirmi un parere medico, cosa devo fare?
[#1]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 107.2k 3.6k 3
Lei soffre di attacchi di panico con agorafobia.

" continuo a spaventarmi, spesso quando sono in mezzo alla gente (amici in primis) , avendo paura di allarmarli e di far preoccupare anche me! "


Non ha problemi di cuore, ma di panico e questa patologia va affrontata e curate proprio per la sua giovaen eta', da uno specialista psichiatra.

Cordailmente

cecchini

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dott.Cecchini,

Anche i dolori al petto, al braccio sinistro, le fitte che avverto dietro la schiena a volte e le varie altre cose correlate sono dunque frutto di panico?
Oggi mi è capitato di avvertire dolore per un momento al pollice sinistro, che si è diramato verso il petto. Oltre allo schiacciamento al petto.
Tuttavia, ho lavorato molto bene in sala attrezzi oggi, in generale mi alleno bene sia con il crossfit che con il nuoto.
Grazie ancora, cordialmente.
[#3]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 107.2k 3.6k 3
Si, penso sinceramente che siano disturbi legati ad ansia e/o panico

Arrivederci

cecchini
[#4]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio infinitamente.
Ansia

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto