Utente
Gentili medici Buonasera ,
Sono molto amareggiato...
Ho avuto problemi di ipocondria in passato tutti completamente risolti a tal punto da attivarmi così tanto da praticare
sport di ogni genere orientandomi + sul ciclismo... ho 32 anni , mai fumato, a 29 anni pesavo 137 kg , oggi peso 92 sono alto 1.73 (kg grazie allo sport)
Mi sono così innamorato del ciclismo da arrivare a fare anche piccole gare amatoriali.
Ultimamente ci sono troppe belle giornate per non fare dagli 80 ai 110 km in una giornata col gruppo ciclisti cosa abbastanza comune in ogni dove..
Esco in media 3-4 volte a settimana con giorni di riposo alternati e uscite alternate a ritmi blandi medi , una uscita a settimana ritmo forte per caricare e migliorare l'allenamento.
Seguo una tabella di step secondo la mia soglia che ho programmato dopo un test con un medico sportivo.
L'unico problema è che con le uscite di gruppo spesso si fa qualcosa in più senza farci tanto caso e ultimamente ho avvertito sintomi come fame d'aria, sensazione di peso al petto e extrasistole per esempio ho avuto 2 episodi a distanza di una settimana di 5-6 extrasistole una dietro l'altra mancando mi il respiro e poi mi son ripreso...
Al secondo episodio sono andato subito dal cardiologo e abbiamo fatto subito un test da sforzo e alcune visite compreso un holter di un giorno... con questa cosa al petto non sono riuscito a dormire bene ma le 3 ore che ho preso sonno ho avuto un picco minimo durato un bel po di 33-34 bpm e alcune extrasistole , mentre da sveglio a riposo ho 50-55 battiti ... mentre se mi muovo o cammino ne ho 60-65.
Il medico mi ha subito detto che ho un po il cuore ingrossato quindi ipertrofia cardiaca da sport..
Mi ha anche detto che non è pericolosissimo, ma spesso e volentieri devo convivere con alcuni sintomi di malessere come cali di pressione
(infatti ho la pressione bassa) devo mollare con gli allenamenti duri e lunghi specialmente perchè non sono ancora leggero e ho molti kg in più, quindi fare più riposo da un uscita all'altra...
Ora dopo anni di relax mi sento un po catapultato alle vecchie paure... ho paura di aver danneggiato sta volta "veramente" il cuore
oppure non dovo preoccuparmi perchè è una cosa abbastanza comune?
o devo solo rallentare un po con gli allenamenti?
se mi fermo per un po il cuore torna normale? o ci sarà sempre questa ipertrofia?
Attendo una vostra risposta
Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Lei non fornisce alcun dato circa il suo cuore ...Ingrossato.
Può fare copia ed incolla della sua ecografia?

Grazie
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Ventricolo sinistro: dm telediastolico 54mm; dm telesistolico 33mm; spessore setto 14mm; spessore parete post. 12mm; frazione d'eiezione60%. Aorta: diametro bulbo 45mm; apertura cuspidi 15mm. Atrio sinistro: 44mm. Ventricolo destro: 19mm.
Fibrosclerosi mitralica. Ventricolo sinistro di dimensioni e cinesi globale nei limiti. Lieve ipertrofia settale. Calibro aortico di dimensioni aumentate con fibrosclerosi parietale e delle cuspidi che presentano cpnservata apertura sistolica. Atrio sinistro di dimensioni aumentate e sezioni destre nei limiti.
Segni di alterato rilasciamento ventricolare sinistro (inversione rapporto E/A); Lieve insufficienza mitralica (+).
Conclusioni: Fibrosclerosi mitro-aortica con lieve insufficienza mitralica. Lieve ipertrofia del setto interventricolare.
ECG: Ritmo sinusale a frequenza cardiaca di 56 bpm. Posizione elettrica orizzontale. Lieve turba di conduzione interventricolare destra. Anomalie specifiche della fase di ripolarizzazione.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Lei ha un classico cuore di atleta...Un po dilatato è più che altro ipertrofico

Il cuore di atleta é tutto altro che un cuore sano.
Usi la bicicletta per mezzo di trasporto, cammini ...
Dopo 6 12 mesi ripeta l ecografia cardiaca

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente
Gentile medico grazie per avermi risposto.
Io sarei disposto a rinunciare alle uscite domenicali e agli allenamenti di gruppo a ritmo sostenuto sapendo però che se faccio questo il cuore torna ad essere normale , cioè quello di prima....
Anche se psicologicamente sarà una mazzata visto che il ciclismo mi aiutava molto....
Possibile che rischio qualcosa? qualche malattia cardiaca?
Nel gruppo di amici ciclisti ci sono signori di 60 anni che vanno probabilmente al doppio del mio ritmo quasi ogni giorno e sembrano dei 30enni .. come fanno e io mi chiedo se pure loro hanno questa specie di ipertrofia cardiaca dopo anni e anni di sport a ritmi pazzeschi...

[#5]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Mi permetto di risponderle io.
Spero che il gentile medico, alias Prof. Dott. Cecchini Maurizio non me ne voglia.
Io non ho capito se lei tiene a vivere a lungo e bene o a bruciarsi il resto del tempo che le resta preparandosi a una vecchiaia pessima.
E' possibile che la sua ipertrofia cardiaca rientri con la sospensione delle uscite in allenamento, può darsi che rimanga tale, sicuramente non aumenterà.
Se vuole continuare ad andare in bicicletta a fare "gli allenamenti, nessuno glielo vieta, ma il suo cuore diventerà più ipertrodico, la disfunzione dialstolica aumenterà, il suo subendocardio sarà sottoposto a insulti ischemici ripetuti anche asintomatici, il microcircolo coronarico non sarà più efficiente e il rischio di morte improvvisa aritmica diventerà più alto della media.
Questa è la realtà: non la scrivo io è scritta sui testi di fisiopatologia cardiovascolare.
I suoi amici dall'esterno sembrano sani e forti: li faccia sottoporre a un ecocardiogramma e ad un test da sforzo e poi ne riparliamo.
Posto che lei ha chiesto un consiglio, un grande cardiologo gliel'ha dato, un medico meno prestigioso gliel'ha confermato ma nessuno le ha imposto nulla.
Quindi tutto resta alla sua valutazione e al suo buon senso.
Cammini a piedi a passo svelto un'ora la giorno: il suo cuore le dirà un GRAZIE grosso quanto un'autostrada californiana.
Saluti cordiali,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#6] dopo  
Utente
Grazie per le risposte. Molto Gentili!