Utente 400XXX
Buongiorno Dottori,
mio marito ieri ha effettuato una normale visita sul luogo di lavoro ( esami delle urine, glicemia, misurazione della pressione, elettrocardiogramma... ) e il medico, ultimato l'elettrocardiogramma, gli ha comunicato che ha una lieve ipertrofia ventricolare sinistra. Pressione rilevata 100/150
Nell'arco dell'ultimo anno misurando la pressione arteriosa a casa, spesso abbiamo rilevato valori un po alti ( max 95/150 ).
Essendo purtroppo una moglie molto ansiosa che in passato ha dovuto purtroppo ricorrere anche ad ansiolitici antidepressivi, sono molto preoccupata da questa cosa. Il medico del lavoro gli ha consigliato senza nessuna fretta, di effettuare un ecocardiogramma e di valutare poi una eventuale cura per l'ipertensione.
Vorrei chiedervi innanzittutto se si tratta di una cosa grave e se fosse dovuta all'ipertensione, risolvendo questo problema, la lieve ipertrofia può ridursi ?
Altra cosa....nel luglio scorso mio marito è stato operato in anestesia epidurale, al menisco effettuando il giorno stesso tutti gli esami pre operatori incluso ECG. Nessuno gli ha fatto presente questa cosa. Possibile ?
Scusate le tante domande ma l'ansia incombe...
Grazie mille e buona giornata

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
La diagnosi di ipertrofia ventricolare va quantificata con una ecocardiografia e non all' ECG.
I valori pressori che lei riporta, se confermati, andranno curati farmacologicamente

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 400XXX

Buongiorno Dott.Cecchini e grazie mille per la gentile e rapida risposta.
Abbiamo visita cardiologia + eco venerdì prossimo. Speriamo bene....
Non ho capito una cosa dalla sua risposta. La diagnosi di ipertrofia può essere fatta solo ed esclusivamente a fronte di un ecocardiogramma ? Con un semplice ECC non si vede ?

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Ci sono criteri ECGgrafici che posso far supporre la presenza di ipertrofia, ma sono molto dipendenti dalla conformazione del torace, dalla presenza di enfisema, dal peso del paziente.
L'unico dato certo lfornisce l'ecografia

Cordialita'

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 400XXX

Grazie Dottore. Tra una settimana abbiamo la visita dal cardiologo, le saprò dire.

[#5] dopo  
Utente 400XXX

Dottor Cecchini buongiorno.
Abbiamo appena fatto la visita cardiologica con ECG
( non so perché il medico di base non gli ha prescritto l'eco come richiesto dal medico del lavoro ).
Pressione arteriosa 170/60
95 Non
Deviazione assiale sx BRA
Ritmoco; non soffi
Diagnosi:
Ipertensione arteriosa in non ottimale controllo
Accertamenti consigliati:
Ecocardiogramma
Terapia farmacologica consigliata:
Ramipril 5
1 cp die

Già prenotato Eco per il 16 febbraio

Alla luce di tutto ciò le vorrei chiedere un suo parere e se si tratta di cose gravi
Vorrei specificare che mio marito non ha mai avuto 95 bpm ( il suo standard varia da 50 a 55 ) è non hai mai avuto la pressione minima a 60 ( spesso tra 80 e 90 ) tant'è vero che si è chiesto se gli è stata misurata correttamente.
Aveva fatto colazione da circa 1 ora e diceva che gli sembrava di averla ancora sullo stomaco ( non so se possa incidere ).
Io da persona ansiosa sono molto preoccupata. Ci sono patologie gravi ?
Grazie mille Dottore

[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Dai dati che lei riporta pare che suo marito sia iperteso e che quindi necessiti di una terapia.
Esegua l'ecografia cardiaca.

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#7] dopo  
Utente 400XXX

Grazie Dottore.
Questa settimana abbiamo provato giornalmente la pressione a casa e i valori variavano da 77/83 la minina e 128/136 la massima.
Secondo lei c'è comunque una patologia e una ipertrofia ventricolare sinistra come aveva ipotizzato il medico del lavoro ?
Il cardiologo stamattina gli ha prescritto l'eco dicendo che è stato richiesto quindi lo facciamo ma ha fatto capire che non ci sarebbe bisogno.
Secondo lei ?

[#8] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Mi pare di averle gia' scritto che l'eventuale ipertrofia si diagnostica con la ecografia.
Se vuole ci mandi l'esito di tale esame

Cordailita'

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#9] dopo  
Utente 400XXX

Dott. Cecchini buongiorno.
Mio marito ha appena fatto l'ecocolordoppler cardiaco.
Questo è il referto:

Ventricolo Sx
VTD= 110 cc: SIVd= 1,2 cm, setto sigmoide, non difetti cinetica segmentaria
FE = 60%
Ventricolo Dx
Nei limiti
Atrio Sx
2,4 cm; 15 cm2
Atrio Dx
14 cm2
Valvola mitrale
E/A= 1
Valvola aortica
V max= 1m/sec
Valvola tricuspidale
Non IT
Aorta toracica
Ascendente =3 cm
Diagnosi/conclusioni
Conservati volumi e cinetica biventricolari, setto sigmoide

Alla luce di questi esiti mi potrebbe dire cosa ne pensa ?
Grazie.
Cordiali saluti

[#10] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
C è una modesta ipertrofia del setto interventeicolare legata ai valori pressori che vanno mantenuti attorno ai 120/70 mmHg

Niente di drammatico

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#11] dopo  
Utente 400XXX

Grazie per la celere risposta.
Il medico che ha effettuato l'esame non ha menzionato nulla, ha solo detto che era tutto a posto e non c'erano problemi.
A questo punto credo sia necessaria la terapia per abbassare la pressione, magari partendo da un dosaggio minimo di 2,5 mg.come accennato dal medico a fine visita.
Se si abbassa la pressione e rimane circa nei valori che Lei mi ha scritto, questa modesta ipertrofia può scomparire, oppure una volta sopraggiunta rimane per sempre ?
Grazie.

[#12] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
La modesta ipertrofia da lei segnalata non causa alcun problema, l'importante che non aumenti.
Questo si ottiene mantenendo valori pressori nella norma e cioe' circa 120 /70 mmHg

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza