Utente 406XXX
Salve, ho 21 anni. Il 27 agosto 2017 dopo una settimana di dolore generico all'emitorace sinistro e dispnea al PS mi hanno diagnosticato embolia polmonare bilaterale attraverso un angioTC, su sospetto di un d dimero di 4000 circa. Mi è stata data eparina sulla pancia per due giorni dopodiché ho iniziato il trattamento con Eliquis compresse 4 pasticche da 5 mg al giorno. Martedì, dopo 7 giorni dall'inizio del trattamento con Eliquis inizierò a prendere 10 mg al giorno di eliquis anziché 20 mg. Le analisi sono buone, gli unici valori sballati sono fibrinogeno e d dimero entrambi elevati. Il doppler alle gambe è buono anzi ottimo. I fattori della coagulazione sono tutti nella norma, i medici credono si tratti di una mutazione genetica aggravata dal mio uso di nuvaring, anticoncezionale ormonale a basso dosaggio, locale. Preciso che ho avuto una gravidanza portata a termine il 06/05/2015 durante la quale non ho avuto nessuno e dico proprio nessun problema. Dopo di allora ho iniziato a inserire Nuvaring, il mio primo e anche ultimo a questo punto, anticoncezionale ormonale. Non ho mai avuto problemi neanche con nuvaring insomma nessuna avvisaglia. Fatto sta che giovedì dopo ; giorni dalla diagnosi ho fatto un'altra angioTC che è risultata sovrapponibile a quella di domenica. I medici dicono che può essere normale dal momento che il coagulo e grande ma io sono preoccupata che il trombo non si sciolga affatto e che dopo giorni lunghi di degenza bisogna ricorrere a metodi meccanici per rimuoverlo, perché i medici non hanno somministrato trombolitici subito dato che il trombo è molto grande? La prossima angioTC è il 14 settembre e fino ad allora devo solo aspettare. La saturazione è fissa a 96 mentre la pressione è buona e costante e le pulsaZioni ogni giorno sembrano tornare nella norma, attualmente sono circa 76/80 (ma domenica scorsa erano oltre 130!!) mi devo aspettare secondo le vostre conoscenze, che il trombo non si smuova da lì prima del 14? È possibile una cosa del genere? Quali sono i tempi in cui un coagulo viene smontato dall'organismo? Sono preoccupata perché so che l'anticoagulante non scioglie l'embolo e che deve essere il mio organismo a farlo. Aggiungo che le trombofilie ancora non le ho fatte le farò in seguito. Gli unici accertamenti sono stati emogas, analisi complete dei fattori coagulativi che sono ok, d dimero test (da 4000 è sceso a 3000) rx al torace (che era buono nonostante l'embolia) e AngioTC che è rimasta invariata da domenica a giovedì scorso. Grazie mille in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Innanzitutto tutto una donna giovane che presenti una emaglia polmonare deve eseguire quanto firma i test per la trombofilia anche perché dal loro risultato si potrà sapere se le sarà costretta ad assumere anticoagulanti a vital o meno
In secondo luogo lei, oltre ad assumere la pillola era una fumatrice?
Interno luogo e sempre importante eseguire una scintigrafia polmonare al tempo zero in modo che rupetendolapoyremo vedere l andamento della malattia. Non può certo eseguire la Tc torace ogni pocosa.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 406XXX

Grazie per la risposta! No mai fumato né bevuto, non ho parenti ne prossimi ne lontani che hanno avuto problemi di questo tipo. I medici dell'ospedale hanno intenzione di farmi Tac seriali per seguire l'andamento. Per le trombofilie le farò senz'altro, mi hanno detto che devo aspettare un mese, ma perché? Non mi hanno spiegato il motivo. Oltretutto non ho problemi di colesterolo pressione o altro. Secondo lei il trombo si scioglierà dopo 20 giorni dalla diagnosi? A 4 giorni dalla diagnosi la situazione era invariata.

[#3] dopo  
Utente 406XXX

L'unico parametro che può far capire se il trombo sta migliorando o meno è la saturazione, così mi è stato detto e in più di controllare se L affanno migliora o meno. Ad oggi sono 11 giorni dalla diagnosi di embolia polmonare, la saturazione negli ultimi giorni da 96 si è alzata a 98 mentre le pulsazioni rimangono comunque tra le 70 e le 80, pressione buona e costante. Posso aspettarmi una completa regressione del trombo per il 14, giorno della prossima Tc? Grazie..

[#4] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
L' unico esame che veramente le fornisce dati inconfutabioli di miglioramento e' la scintigrafia polmonare e non certo la saturazione che e' inficiata da molti fattori.
Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#5] dopo  
Utente 406XXX

Grazie..ma tra una scintifigrafia polmonare e l'altra c'è un tempo raccomandato che deve passare?

[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
di solito 3 mesi in questo caso

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#7] dopo  
Utente 406XXX

Grazie per le risposte, un'ultima cosa: cosa succede nei tre mesi che aspetto che il trombo sparisca? Dovrò restare allettata per 3 mesi?Quali sono in genere i tempi in cui i trombi tendono a scomparire?
Grazie

[#8] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Sono tempi variabili
Se L hanno dimessa verosimilmente può camminare
Ma questo deve chiederlo a chi la sta curando

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza