Utente 462XXX
Salve dottori. Innanzitutto grazie per il lavoro che fate.
Ho 22 anni. Inizio a dirvi che ho avuto un'estate turbolenta in cui ho scoperto di avere l'esofagite a seguito di un evento di Fibrillazione Atriale. Finita la cura dell'esofagite da circa due settimane.
A seguito di ciò ho avuto, e solo da poco ne sto uscendo, quasi un periodo di depressione in cui avevo paura di avere un infarto da un momento all'altro. Sono in terapia dalla psicologa ormai già da quasi tre mesi e noto i risultati: non vado al PS per dolori al petto da circa due mesi, ad esempio.
Mi sento bene, e sto recuperando la mia vita.
Purtroppo, ogni tanto, ho ancora piccole ricadute.
A seguito della FA, prima di vedere se la causa fosse derivante dallo stomaco, mi hanno effettuato tutti gli esami del caso: ECG, Holter di 24 ore, ecocuore, analisi ogni giorno. Tutto negativo, ovviamente.
L'unica cosa di cui hanno voluto fare a meno i dottori, perche non c'era bisogno, è stata la prova sottosforzo.
Vengo al dunque: in quest ultimo periodo, ho notato che dopo masturbarmi, avverto dolori al petto, come fitte, e mi sono tornati i dubbi esistenziali di qualche mese fa.
Secondo voi, a cosa possono essere dati?
In un altro consulto simile avete consigliato ad un ragazzo una prova da sottosforzo e percio ho deciso di contattarvi; anche nel mio caso, con la mia storia clinica, sarebbe necessaria? O posso stare tranquillo?

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Il tipo e la durata dei sintomi che lei riferisce escklude una origine cardiaca.
Cerchi di ridurre il peso perche' cio' costituisce un importante fattore di rischio nei decenni a venire.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 462XXX

Grazie per la risposta.
Si, Il peso lo sto decisamente riducendo, mangiando più sano (soprattutto per l'esofagite) e sono seguiti anche da un dietologo.
Se posso approfittare della sua gentilezza, Vorrei chiederle un'altra cosa. Sì può soffrire di dolori intercostali? Perché spesso mi hanno riferito che questi dolori al petto, oltre all' esofagite che ho, potrebbero essere scaturiti anche da dolori intercostali. Non c è un qualcosa per evitarli?
(Scusate se magari la domanda è sciocca, ma la pongo proprio da ignorante in materia)

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
paiono proprio dolori intercostali.
Non c'e' niente di particolare da fare se non qualche banale antinfiammatorio che il suo Medico potra' prescriverle.

Arrivederci.
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 462XXX

La ringrazio infinitamente per le risposte dottore.
Arrivederci.