Utente 500XXX
Salve a tutti.
Circa 6 mesi fa ho avuto un caso (isolato e rientrato nel giro di 2 ore senza farmaci) di fibrillazione atriale. Causa scatenante per i dottori, dopo vari ecg, analisi e tutta la routine: esofagite di grado A.
A seguito di ciò, ho avuto ripercussioni mentali e sono sotto cura psicologica. Ahimè, alcune volte cado in dubbi ipocondriaci che con il mio psicologo risolvo.
Non avrei mai voluto scrivere qui, ma sento necessità di farlo, perché a volte mi sento un peso per il medico curante e per il psicologo che mi segue.
Avrei una domanda da farvi: può la bradicardia, aver causato la fibrillazione atriale?
Mi spiego. Sono giunto a questo dubbio perché, monitorando i battiti a seguito di spossatezza e giramenti mentre ero disteso a letto, ho notato che a riposo, prima di dormire, ho circa 40 bpm.
È pericoloso averli così bassi? I giramenti di testa avuti mentre sto semplicemente disteso aspettando di dormire, possono essere dovuti a ciò?

P.s. quando sono stato ricoverato per FA mi hanno fatto anche l holter e battiti < 40 non sono stati registrati, ma era un giorno che ero perennemente stressato.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Mi pare che la sua ansia le giochi brutti scherzi.
Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 500XXX

Lo so, purtroppo. Sto cercando di migliorare sotto l'aspetto psicologico.
Però, avere 40 di battiti e a volte sentire come "fame d'aria" mi ha preoccupato, tutto qui.
La ringrazio per la risposta e le chiedo scusa se nel caso ho creato disturbo con una domanda stupida