Utente 491XXX
Gentile dottore, dopodomani dovrei effettuare una prova da sforzo per lieve extrasistolia accertata tramite holter..
In questi giorni sono stato un po influenzato, con febbre fino a 38,5, ho preso paracetamolo e oggi mi sembra che stia un po meglio (37,2 di febbre e un po di tosse)... Secondo lei posso farla ugualmente la prova da sforzo o devo per forza rinviarla??
La ringrazio

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Penso che in due giorni la sindrome febbrile che lei ha sara' scomparsa.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 491XXX

La ringrazio della risposta..
Purtroppo anche oggi ho 37 di febbre e sono abbastanza raffreddato...A questo punto cosa mi consiglia per domani?Non potrebbe la prova risultare alterata dal mio stato influenzale?
La ringrazio

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Assolutamente no


Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 491XXX

Quindi in sostanza mi consiglia di farla ugualmente la prova? ho capito bene?
La ringrazio

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
si

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente 491XXX

Gentile dottore, seguendo il suo consiglio ho effettuato la prova, anche se non stavo bene..
Infatti già all'inizio avevo una frequenza cardiaca di 120 bpm e una pressione di 160/90 (sono comunque un soggetto ansioso quando mi sottopongo a questi esami ma sono convinto che il mio stato di malessere abbia comunque influito, almeno sulla frequenza cardiaca di partenza.)..
Provo a scriverle di seguito i risultati del test:

BASALE
sintomi assenti
ECG sinusale, normale conduzione, non alterazioni
FC 127/min
PA 160/90 mm/hg

Test massimale interrotto al 3 minuto per raggiunta f.c. massima, I stadio.

STOP
Frequenza cardiaca di 157/min, pari all'88% della fc massima teorica; pressione arteriosa 180/90 mmhg; doppio prodotto 28260.
Sintomi assenti.
Tratto ST-T non alterazioni. Assenti turbe del ritmo.
TTT24.
Assenti turbe della conduzione.

RECUPERO
Sintomi assenti.
Tratto ST-T non alterazioni.
Assenti turbe del ritmo.
Assenti turbe della conduzione.

Risultato: negativo per ischemia

Commento: Esame negativo per ischemia miocardica, angor e aritmie, si segnala tendenza spiccatamente tachicardica.

Che ne pensa? (Il test l'avevo fatto per lieve extrasistolia ventricolare...)

La ringrazio e la saluto cordialmente.

[#7]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
penso cio che è scritto.
quindi che lei non abbia niente se non una ansia che vada trattata con farmaci prescritti da uno specialista psichiatra

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#8] dopo  
Utente 491XXX

Gentile dottore, l'ansia mi viene, a volte, quando mi sottopongo a questi esami, non penso che per questo debba ricorrere allo psichiatra, non crede? poi penso che il mio stato febbrile oggi abbia influito non poco sulla frequenza cardiaca, stavo veramente male e se non fosse stato per il suo consiglio non l'avrei sicuramente fatto..

La saluto cordialmente e la ringrazio delle sue risposte.