Utente
Buonasera, sono una ragazza di 23 anni.
Nelle ultime settimane ho iniziato ad avere vari fastidi allo stomaco: gastrite, fortissimo gonfiore addominale, reflusso (quasi mai acido).
Tutti queste diagnosi sono state fatte dal mio medico di base e da un gastroenterologo (non ho fatto alcun tipo di esame).

Insieme a questi sintomi ho sempre sentito pressione al petto e difficoltà a respirare (soprattutto in posizione eretta).

Negli ultimi 10 giorno però le condizioni sono peggiorate: avverto un forte dolore al centro del petto (alcune volte ben localizzato nello sterno alte volte più generale), una fortissima pressione e, alcune volte anche bruciore (anche se non capisco se sia interno o a livello muscolare).
I dolori sembrano aumentare con i pasti (addirittura mentre sto ancora mangiando); in ogni caso, sono praticamente presenti 24h su 24.

Negli ultimi 4 giorni poi è comparso uno strano dolore alla mandibola che va e viene, un dolore/bruciore ai linfonodi del collo sotto la mandibola, secchezza della gola, e alle volte sensazione di avere un nodo in gola.

Oggi, poi, il dolore toracico si è esteso anche alla parte alta della schiena.

Io sono davvero spaventata perché ho in terrore che si tratti del cuore.
Spesso, infatti, sento delle palpitazioni dolorose e altre volte delle fitte più dolorose che durano 1/2 secondi.

Due sere fa sono andata in pronto soccorso: ECG "perfetto";
Analisi del sangue: tutto nella norma;
Rx torace: tutto nella norma.

Neanche un mese fa ho poi fatto un ecocolordoppler al cuore: tutto nella norma, e una visita cardiologica: tutto nella norma.

Io non so più cosa fare, ma ho il costante terrore di avere un infarto o qualsiasi altro problema al cuore perché, nonostante la cura per il reflusso, il male non trova quasi mai sollievo.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
I disturbi che lei segnala hanno delle caratteristiche che escludono l'origine cardiaca.
Eviti di andare al pronto soccorso ad intasare il personale inutilmente

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la risposta; ci tengo a precisare che, nonostante la mia elevata ansia e ipocondria, ho evitato per molti giorni di andare al Pronto Soccorsco. Tuttavia, il mio medico di base mi ha detto di andare subito perché la comparsa di dolore al petto e dolore alla mandibola poteva essere sintomo di qualcosa al cuore; a quel punto mi sono preoccupata parecchio e sono andata.
Secondo lei dunque posso stare tranquilla? Nonostante il dolore molto forte al petto?
Sicuramente la mia ansia aumenta tutto, ma oggi ho preso un ansiolitico per calmarmi: mi sono calmata ma il dolore è rimasto bello vivido.
È improbabile che un dolore al cuore duri per così tanto giorni?
La ringrazio ancora.

Aggiungo che alcune volte (soprattutto quando sono in piedi) il dolore/bruciore si estende alle spalle. Il reflusso potrebbe dare tutti questi sintomi? La cosa peggiore è il senso di oppressione al petto.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
dica al suo medico di ripassarsi un po' di medicina perché a 23 anni non esiste ne l angina pectoris ne l infarto .

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio molto, il suo parere mi ha tranquillizzata molto.
Cordiali saluti