Utente
È da circa una settimana i battiti cardiaci accellerati, difficoltà a digestire e dolori al petto che tirano anche le spalle.
I dolori non sono troppo fastidiosi quando respiro, solo leggermente ma ciò che mi preoccupa è la Tacchicardia che non ne vuole sapere di calmarsi.
Ho un senso di oppressione e a causa di tutto questo ho anche l'ansia ed avvolte attacchi di panico.

Per i dolori il medico curante mi ha dato l'oki per sei giorni ma non ha fatto effetto e per la digestion mi ha dato il peridon, che ho preso stasera per la prima volta.

Mi chiedevo cosa possono essere le cause di questa tacchicardia e indigestione insieme.

Ed i dolori al petto, insieme ad un leggero pizzicore al centro, possono essere tutti disturbi d'ansia?
O è altro per cui preoccuparsi?

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
( buongiorno, buonasera, grazie ...sono parole che evidentemente non usano più...)

Non so cosa intenda lei per tachicardia, cioè che frequenza lei trova, ne se assuma caffè, farmaci o sia fumatore.

Misuri la frequenza e poi se vuole ce lo comunichi

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno.
Mi scusi per aver scritto in quel modo ma ero presa dal panico e quindi non pensavo lucidamente.

In quanto a quello che mi ha chiesto di fare, è da una settimama che misuro i battiti, e sono sempre tra il 95 ed il 105, non è scesa da li. Quello che intendo è che quando dormo ad esempio, sento il cuore che rimbomba nelle orecchie e che batte in modo veloce, anche quando sono a riposo.
Non sono una fumatrice, e soffro solo di una leggera asma per cui uso relvar ellipta.
Non bevo caffè.
Non so se questo disturbo sia dovuto ad ansia o ad altro.
Grazie e mi scusi per la maleducazione di prima.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Nessun problema.
Sia il il broncodilatatore che assume che la sua ansia sono validi motivi per spuiegare i suoi valori di frequenza , tra l'altro certo non preoccupanti

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio per la risposta veloce.
Arrivederci.