Attivo dal 2020 al 2020
Buongiorno, sono un uomo 34 anni altezza 162 peso 53 kg, nessuna patologia, da bambino ho avuto qualche problema d'asma che da i 12 anni ad oggi non ho più, ora solo qualche allergia (acari della polvere, rinite allergica), poi ho un disturbo da attacchi di panico con agorafobia e tratti ipocondriaci e ossessivo compulsivi, in cura con Sertralina da quattordici anni.

Faccio attività fisica camminata 30-40 minuti 3-4 volte a settimana.

Controllo abbastanza l'alimentazione, non fumatore da ormai dieci anni.

Esami del sangue nella norma.

Purtroppo ho familiarità per malattia cardiovascolare e questo mi mette molta timoria, anche se so che può capitare anche a persone senza familiarità e senza fattori di rischio.

Mio padre che ora a quasi 66 anni a 56 anni a avuto l'infarto, non aveva nessuna patologia ma fumava da una trentina d'anni.

Mio nonno paterno e deceduto quando io non ero ancora nato all'età di 62 anni per un'ictus celebrale.

Mio zio fratello di mio padre a 57 anni e soffre di varie cose e obeso, diabetico (ma non fà l'insulina) pressione alta, ipercolesterolemia.

Dalla parte di mia madre che a 60 anni, con l'avanzare dell'età a iniziato ad avere ipercolesterolemia ma nessun altro problema.

Mio nonno materno invece che ha 89 anni all'età di 57-60 anni a avuto l'infarto.

Quindi mi ritrovo con mio padre, mio nonno paterno e mio nonno materno che hanno avuto negli anni un evento di infarto e ictus.

Se ho come fattore di rischio solo la famigliarità, età e il sesso maschile e non ho altri fattori di rischio che possibilità ho di andare in contro a eventi del genere?

E soprattutto nella familiarità cardiovascolare contano anche i nonni ho solo i genitori che sono di primo grado?

Grazie

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Ovviamente ha più rischi di chi non ha familiarita per queste patologie .
quindi un attento controllo dei fattori di rischio modificabili è opportuno o

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Attivo dal 2020 al 2020
Grazie Dott Cecchini per la risposta
Potrebbe rispondere alle seguenti domande?
1)Se ho come fattore di rischio solo la famigliarità, età e il sesso maschile e non ho altri fattori di rischio che possibilità ho di andare in contro a eventi del genere?
2) E soprattutto nella familiarità cardiovascolare contano anche i nonni ho solo i genitori che sono di primo grado?
Grazie

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Nessuno che sia serio può darle unamlercentuale
Di rischio
Ovviamente minore di chi avesse i genitori con eventi cardiovascolari

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4] dopo  
Attivo dal 2020 al 2020
Dott Cecchini
Io infatti ho mio padre che ha avuto un infarto a 56 anni ma la familiarità dice prima dei 55 anni se non sbaglio?
E mio nonno paterno a avuto un'ictus a 62.
E mio nonno materno intorno ai 57-60 anni un infarto.
Deceduto solo mio nonno paterno di ictus.
Non dovrebbe contare solo i genitori o fratelli e sorelle che sono di primo grado?
I nonni non sono di secondo grado?
Grazie

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
suo padre ha avuto un infarto ed entrambi i nonni.
quindi lei ha familiarita per problemi cardiovascolari

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#6] dopo  
Attivo dal 2020 al 2020
Grazie Dott Cecchini
Che ho familiarità lo capito.
La mia domanda 1)è che ho sempre sentito e letto che la familiarità si intende famigliari di 1 grado con eventi <55 anni per l'uomo e < 65 anni per le donne, quindi prima dei 55 anni in caso di mio padre infatti lui lo ha avuto dopo i 55 anni a 56 anni.
E poi riguardo hai nonni non sono di secondo grado?
Quindi non dovrebbero centrare nulla?
Grazie

[#7]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Lei ha un quarto del patrimonio genetico Se suoi nonni quindi anche la familiarità
Il fatto che suo
Pare anni avuto lei fatto
A 56 anni è un fattore di rischio importante per leI

Con questo
La saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#8] dopo  
Attivo dal 2020 al 2020
Grazie Dott Cecchini quello che ha scritto forse c'e qualche errore nella scrittura
"Il fatto che suo
Pare anni avuto lei fatto"

[#9]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
abbia vuoto l infarto a 56 anni...

scusi il refuso

la saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso