Utente
Buongiorno,
scrivo in riferimento alla mia ultima visita cardiologica.
Come magari avete notato negli anni (fino al 2015) avevo una seria ansia per la salute del mio cuore con richiesta di molti consulti.
Questa ansia è stata curata negli anni con psicoterapia.
Mi tengo comunque controllato ogni due anni.

Nell'ultima visita mi è stato riscontrata una leggera insufficienza mitralica che due anni fa non era presente.
Il cardiologo ha detto di non preoccuparmi che non è grave e posso svolgere la vita come sempre.
Consiglia solo un controllo ogni due anni.
Negli ultimi mesi ho perso 15 kg con dieta e movimento in quanto era arrivato in sovrappeso.
Oltre all'attività aerobica ho iniziato anche a fare leggera pesistica con manubri (5-7kg).
Leggendo vari consulti sul Vs.
sito ho notato che spesso si sconsiglia la pesistica in quanto non proprio benevola al cuore.
Mi sono dimenticato di fare menzione di questo al mio cardiologo.
Ora vorrei chiedere se a Vs.
parere è meglio lasciare perdere la pesistica (anche se leggera) e magari concentrarsi di più sul cardio ed esercizi a corpo libero.
Inoltre mi chiedo come sia possibile che si presenti nell'arco del tempo una insufficienza mitralica.
Pensavo fosse solo congenita.


Grazie e cordiali saluti

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
leggeri pesi fanno poco male , grandi pesi fanno grandi male.

Ora c' è 'la moda del, " cardio"........ ma,perché la gente non cammina tranquillamente un ora al giorno ?

c egente che fa mezz'ora di auto's,ad andare ed altrettanto al ritorno per andare in una palestra ( pagando) per camminare su un tapes roulant fra gli odori di sudore degli altri ,, magari,prendendosi le,verruche plantari qua do fa l'amore,doccia nella palestra a pagamento pure quella,quando basterebbe andare a piedi alla palestra camminando mezz'ora toccare il muro e tornare a casa nin paganado una lira e repirando aria pulita.

cammini ed usimla,bici come mezzo di trasporto . il cuore la.rimgraziera

cexxhini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Gentile Sig. Cecchini,
La ringrazio per la Sua risposta. In effetti mi sono espresso male: con Cardio intendevo proprio la camminata. In palestra non mi sono mai iscritto proprio per i motivi che Lei elenca. Inoltre non mi pace nemmeno sentirmi troppo "sotto sforzo" e sentire il cuore battere forte. Per quello anche la corsa non la pratico se non una camminata veloce. I pesi avevo acquistato per fare qualche esercizio a casa (perché i Personal Trainer affermano che per dimagrire serva anche quello) ma leggendo, appunto, qualche suo consulto mi è venuto il forte dubbio se continuare a fare qualche esercizio oppure no. Anche perché su vari siti sportivi si leggono diverse persone che affermano che la pesistica addirittura rinforza il cuore. Per quello ero molto confuso. Io voglio solo sentirmi bene e in salute. Non mi interessa avere muscolatura accentuata o altro. Cercherò di accantonare la 'pesistica' e continuare con i miei 10-12.000 passi giornalieri affiancato magari da qualche esercizio a copro libero (addominali ecc).

Cordiali saluti,
Mattia