Utente
6 giorni fa sono caduto accidentalmente in corsa, parandomi con la mano sinistra.
Ho avvertito immediatamente dolore al dito anulare che col tempo si è gonfiato, con anche un piccolo ematoma verso l'interno.
La mattina dopo mi sono recato in pronto soccorso per verificare eventuali fratture con una radiografia (negativa) e mi hanno consigliato di immobilizzare e di applicare delle creme.
Inizialmente non riuscivo quasi minimamente a flettere il dito, ora si, ma quasi per metà.
Mi chiedevo se ci possano essere gravi lesioni tendinee da sottoporre a qualche trattamento specifico o se posso procedere con il semplice riposo.
Grazie in anticipo.

[#1]  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
16% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

anche escludendo fratture, il trauma potrebbe aver creato danni ai tessuti molli, non visibili radiograficamente.

Le consiglio di farsi visitare da un chirurgo della mano, per escludere eventuali danni capsulo-legamentosi.

La diagnosi precoce è importante per un valido trattamento.

Buona giornata.
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#2] dopo  
Utente
Grazie per il consiglio; mi sono fatto visitare il giorno stesso e hanno preferito fasciare il dito con una stecca per 20 giorni, causa lesione di una parte della capsula tra 2 falangi). Tuttavia sto attualmente riscontrando qualche fastidio ai tendini della mano lungo il polso e a volte l'avambraccio, già presentatosi in lieve entità qualche giorno dopo del trauma. La caduta non aveva interessato tale porzione anatomica, ma il non aver bloccato immediatamente l'arto sottoponendolo a qualche sforzo potrebbe aver causato un principio di tendinite? Le chiedo questo in quanto sono reduce da questo problema all'altro polso, dal quale sono quasi guarito solo dopo 1 anno e vorrei assolutamente evitare tale problematica. ( il dolore si è acuito con l'applicazione della stecca, e non so se sia la sua pressione ad aumentare la sensazione).

[#3]  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
16% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Tutto può essere, ma solo una visita può confermarlo o escluderlo.
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale