Utente 471XXX
Buongiorno, spero di essere nella categoria giusta.
Ho subito un intervento per la rimozione di alcuni condilomi nella zona anale (interni ed esterni) nel periodo di maggio 2017 con anestesia spinale in sala operatoria. Durante la visita di controllo a luglio, il medico ne ha individuati un altro paio decidendo di asportarli a livello ambulatoriale in anestesia locale.
Il decorso post operatorio sembrava filare liscio anche la seconda volta: quasi totale assenza di dolore durante la defecazione (solo un po'di fastidio, paragonabile più al prurito che al dolore), ben poco sanguinamento, nessun problema insomma!
A distanza di mesi noto però ancora l'impossibilità di praticare rapporti anali passivi. La penetrazione diventa assolutamente dolorosa appena inizia e, per non rischiare di creare danni, preferisco sempre interrompere la cosa.
Mi chiedevo: è normale dopo 6 mesi dall'intervento, e 4 dalla rimozione Delle recidive, che ancora ci sia una tale difficoltà? Potrò avere rapporti senza problemi come prima dell'intervento o la cosa potrebbe rimanere preclusa?
Inizialmente pensavo che potrebbe trattarsi semplicemente di cicatrizzazione lenta (data la posizione molto mobile, con presenza di mucosa ecc), ma ora mi sembra che i tempi siano parecchio dilatati.

Ringrazio in anticipo per l'attenzione e mi scuso se la sezione è sbagliata.

[#1]  
Dr. Francesco Ferrara

28% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2017
difficile dare una risposta valida via internet, non sapendo esattamente il tipo di intervento che è stato fatto. le consiglio di tornare dal medico che l'ha operata. prego
Dr. Francesco Ferrara - Chirurgo Generale - Colonproctologo
Ospedale San Carlo Borromeo - Milano
https://drfrancescoferrara.it