Utente 168XXX
Sono stato operato di ernia inguinale bilaterale circa 6 mesi fa. Ho ripreso l’attività sportiva con gradualità dopo 3 mesi rispettando i consigli dei medici, Pratico corsa e nuoto. Da circa due mesi mi alleno con buona intensità ogni giorno per lo più alternando le tue cose. Non ho mai accusato alcun fastidio con l’aumento dell’attività. Faccio presente che ho sempre praticato sport. Da qualche giorno accuso dei dolori addominali di media/forte intensitá prevalentemente da disteso al mattino. Inizialmente il dolore era apparso in concomitanza di un problema di feci dure (che di norma non mi accade mai anzi il contrario). Dopo aver defecato i dolori erano spariti.
Ma sentivo comunque qualche fastidio nel fare degli esercizi di stretching e di allungamento che avevano riflessi sull’addome che quindi ho evitato di fare.
Questi dolori però sono riapparsi qualche giorno dopo e si manifestano sono sul lato destro e partono dall'ombelico fino ad arrivare nella zona inguinale. Spesso questi dolori sono piu intensi la mattina. Ho come la sensazione di sentire la parte dolorante sempre compressa.
Ieri all’ora di ora di pranzo ho corso per circa 1h e 30’ all’inizio sentivo un po’ di fastidio sopra il pube ma dopo circa 10’ non sentivo più alcun dolore ed ho proseguito. Nel tardo pomeriggio ho cominciato ad avvertire qualche dolore e alla sera avevo l’addome gonfio con dolori diffusi nella parte centrale e destra del l’addome non bene indentificabili in un punto preciso. Durante la notte mi sono svegliato spesso e sempre con dei dolori più o meno acuti nella parte destra alta e giù fino all’inguine.
Cosa mi consigliate?
Potrebbe essere pubalgia o ernia recidiva?
Faccio presente che mi trovo all’estero e che ho difficoltà a farmi capire. Ovviamente andrò dal mio medico al mio ritorno in Italia previsto per il 20 di questo mese.
Grazie dell’attenzione

[#1]  
Dr. Giorgio Enrico Gerunda

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile Signore se lei è stato operato di ernia bilaterale è possibile che sia stato operato per via laparoscopica e sia stata posizionata una rete unica. In questo caso la rete prende tutta la parte bassa dell'addome ed è fissata in vari punti alla parte interna della pancia ed ai lati. E' possibile che durante gli esercizi fisici qualche punto si sia staccato e per questo le faccia male perche la rete "tira". Questa è solo una supposizione anche perchè non ho elementi per capire non conoscendo la procedura chirurgica che è stata impiegata. Ovviamente la soluzione più ragionevole è prendere un appuntamento con il chirurgo che lo ha operato e farsi vedere, E' possibile che rintracci anche la email del chirurgo e gli ponga la domanda sperando che le risponda.
cari saluti
gerunda
Prof.Giorgio Enrico Gerunda Professore Ordinario di Chirurgia Generale Università di Modena e Reggio Emilia

[#2] dopo  
Utente 168XXX

Grazie dottore.
Mi metto subito in contatto con il chirurgo. Faccio presente che sono stato operato per via laparoscopica (TAPP) in robotica e mi sono state posizionate due retine di cm 10x12 da ambo i lati.
Secondo lei è opportuno che faccia anche una ecografia prima della visita ?
Inoltre Le comunico che qualcosa è migliorato dopo due gg di assoluto riposo.
Ora sento che un po' mi tira quando sono disteso o se mi muovo in modo improvviso o se provo a correre in modo intenso.Mi consiglia riposo assoluto o qualcosa posso fare se il dolore è sopportabile?
Grazie

[#3]  
Dr. Giorgio Enrico Gerunda

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Gentile signore è opportuno che lei faccia una ecografia per controllare se le reti sono tese o arricciate ( in questo casoó essere saltato un punto). Chiaramente il riposo aiuta a ridurre il fastidio, ma è importante sapere come stanno le reti prima di andare dal chirurgo. Auguri. Gerunda
Prof.Giorgio Enrico Gerunda Professore Ordinario di Chirurgia Generale Università di Modena e Reggio Emilia

[#4] dopo  
Utente 168XXX

C’è quindi il rischio di un nuovo intervento chirurgico nelle ipotesi da Lei evidenziate ?
Ovvero nel caso che le reti siano tese o arricciate?
Grazie