Utente 401XXX
Buonasera, ho 30 anni non fumatore, da sempre pratico attività sportiva agonistica, da circa cinque anni ho una esostosi alla mandibola, non internamente alla bocca come tipicamente succede; è totalmente asintomatica, ma per motivi estetici, anche se parzialmente coperta dalla barba vorrei toglierla; la diagonsi è stata eseguita da rx effettuata in data 20/1/2016 il cui referto dice: l'esame rx mostra formazione ossea di aspetto esostosico di circa 14x7m a livello dell'emimandibola sn, e da una TAC effettuata il 11/01/2019 il cui referto recita: l'indagine conferma la presenza, in corrispondenza dell'angolo mandibolare di sinistra, di formazione opaca, ossea, delle dimensioni di circa 13mmx14mmx14mm (diametri CC per AP per LL) compatibile con esostosi. Non si evidenziano ulteriori alterazioni ossee.
In base a questi referti vorrei chiedervi le criticità dell'operazione ed i tempi di recupero, se può essere svolta in anestesia locale, o è necessaria la generale, e se è sufficiente l'ablazione, o va anche tolto un margine di osso adiacente per evitare che vada a riformarsi.
Grazie per la disponibilità

[#1]  
Dr.ssa Valentina Poddi Loche

20% attività
8% attualità
0% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2019
Al fine di stabilire l'approccio chirurgico e anestesiologico più appropriato è necessario localizzare precisamente la lesione: in base a questo elemento si propenderà per un accesso endorale o cutaneo, ognuno con le sue specifiche potenziali complicanze.
Solitamente non è necessario rimuovere osso adiacente e l'intervento si limita ad asportare l'esostosi.
Dr.ssa Valentina Poddi Loche
Chirugia Maxillo-Facciale
Chirurgia Orale
Patologia Orale

[#2] dopo  
Utente 401XXX

Grazie mille dottoressa,gli esiti degli esami comunque sono sufficienti a farmi essere tranquillo che non si tratti di nulla di grave?

[#3]  
Dr.ssa Valentina Poddi Loche

20% attività
8% attualità
0% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2019
Se il radiologo si è sbilanciato ad emettere questo referto direi che si può stare tranquilli.
Ovviamente l'esame istologico darà l'unica risposta certa.
Un saluto
Dr.ssa Valentina Poddi Loche
Chirugia Maxillo-Facciale
Chirurgia Orale
Patologia Orale