Utente 429XXX
Buonasera, sono interessata al Metodo TRAP, ma vorrei sapere se è possibile farlo in presenza di mutazione genetica fattore V Leiden e mutazione MTHFR in omozigosi.
Io soffro di fragilità capillare con conseguenti varici sulle gambe e dolore al tatto. Ovviamente il problema è anche di natura estetica.
Mia sorella, affetta anche lei da mutazione del fattore V Leiden è deceduta a causa di una embolia polmonare sopraggiunta in seguito ad una tromboflebite delle vene profonde. Sono quindi molto preoccupata nell' affrontare una qualsiasi terapia che implichi vene e circolazione sanguigna.
Vorrei però risolvere davvero questo mio problema, quindi spero che il metodo TRAP possa essere una terapia idonea anche al mio caso.
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
il metodo TRAPP, anche se fondata su principi non acquisiti dalla comunità scientifica, è comunque una scleroterapia.
Personalmente mi guarderei bene dall'applicare la scleroterapia nel Suo caso.
Lucio Piscitelli
http://luciopiscitelli.beepworld.it/

[#2] dopo  
Utente 429XXX

Grazie mille per la sua celere risposta. Seguirò il suo consiglio.