Utente
Dopo aver avuto rapporti anali che probabilmente hanno causato lacerazioni, mi trovo ad avere una forte infiammazione del retto con febbre (38) dolori alla parte e perdita di muco mista a sangue. Sto già seguendo una terapia antibiotica, volevo sapere se era possibile prendere qualcosa per lenire l'infiammazione del retto.Grazie

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
E' possibile, ma una visita coloproctologica preliminare sarebbe utile per definire il tipo e l' entita'delle lesioni e stabilire la terapia piu' appropriata.Auguri!
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2]  
Dr. Attilio Nicastro

28% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
LECCE (LE)
ROMA (RM)
LATINA (LT)
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Cara Utente,
una visita proctologica completata con una Videoproctoscopia Digitale è necessaria per l'esatta entità della "lesione". Di solito i rapporti anali non danno "lacerazioni", tranne nelle violenze o con l'uso di altri dispositivi a fini erotici. I suoi sintomi possono essere dovuti invece ad una infiammazione della mucosa rettale o ad un processo infetivo che coinvolge direttamente l'ano. Comunque queste condizioni potrebbero anche essere preesistenti al rapporto sessuale.
Auguri
Dott. Attilio Nicastro
www.attilionicastro.it

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Caro utente
Concordo in pieno con i consigli e le osservazione dei colleghi che mi hanno preceduto.Quindi :diagnosi precisa prima di ogni terapia e necessità di una visita coloproctologica con videoproctoscopia per una chiara valutazione del problema ano rettale ,la sintomatologia farebbe pensare anche ad un ascesso perianale e probabilmente la causa dei tuoi problemi non è strettamente legata al rapporo anale ma ,come scrive il collega Nicastro, potrebbe essere preesistente.
Saluti Dr Giuseppe D'Oriano
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com