Utente
Gent.mi dott.ri,
ho un fastidio che non riesco a risolvere da due mesi circa... spero mi possiate dare un parere. Vi spiego la situazione:
Circa 3 mesi fa ho avuto un maldestro tentativo di rapporto anale con il mio ragazzo, nel quale ho sentito come una piccola "scossa" dolorosa a sinistra. Non c'è stata alcuna penetrazione, la cosa è finita lì... Dopo circa un mese, i fastidi... che sono partiti dall'ano, per risalire, con il tempo, al retto. (Io lo ricollego al rapporto... non so se ci sia un nesso o meno).
Ho già effettuato 3 visite proctologiche (una è stata fatta con un dilatatore anale) e sono stata anche al pronto soccorso e visitata da un chirurgo... Tutte le visite sono state negative, e mi sono state date delle cure con delle pomate da mettere localmente... Non hanno visto ne ragadi, ne emorroidi, solo un pò di infiammazione esterna. Al pronto soccorso mi hanno solo detto che c'è una piccola emorroide. I miei fastidi però sono andati sempre peggiorando.
Sento dolore nella parete sinistra del retto, questo dolore si acutizza tanto se sto in piedi o cammino, sento una sorta di sensazione "a crampo" e bruciore... come se fosse "spaccato"...Inoltre ho fastidio all'ano, sempre nella parte sinistra. A volte sento come delle "spine" o comunque una sensazione di secchezza... sento strofinare molto quando cammino. Questo dolore è continuo, e trovo sollievo solo la notte quando dormo... Mi hanno consigliato anche di fare una visita ginecologica, l'ho fatta ed è tutto apposto... Ho messo tante pomate, Proctosedil, Antrolin, Pentacol, Preparazione H... ma nulla funziona... ho sempre tanti fastidi...e al tatto io sento come un "cordoncino" doloroso.
Cosa potrebbe essere?
Una forte infiammazione?
Come si può risolvere?
Vi ringrazio per l'aiuto.

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Il fatto che il sintomo sia comparso un mese dopo l' episodio riferito rende poco probabile una relazione. Tra le varie possibilità, potrebbe trattarsi di una piccola raccolta ascessuale non evidenziabile con la visita ma che potrebbe essere individuata mediante ad esempio una ecografia transanale. E' ovviamente solo un' ipotesi che richiede una valutazione diretta da parte di uno specialista. Auguri!
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottore.
Ma se non si trattasse di un ascesso o di una fistola... cosa potrebbe essere?
Non ho perdite di pus o sangue, nè febbre...
E di solito dalla visita classica...si vedono le fistole o gli ascessi?
Grazie ancora.

[#3]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Di solito si ma non sempre e non tutti.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#4] dopo  
Utente
grazie dottore.
Ma di cos'altro potrebbe trattarsi?