Utente 270XXX
Soffro di emorroidi da 5 anni. Ho subito 3 cicli di legature senza risultati apprezzabili. Due mesi fa, dopo l'ennesima crisi in seguito ad un'improvvisa stipsi, ho assunto l'hamolind e la situazione è notevolemente migliorata. A breve dovrei subire un intervento risolutore deciso 4 mesi fa, ma, visto il miglioramento, a me non sembra più necessario. Cosa devo fare?
Grazie per il vostro prezioso servizio

[#1]  
Prof. Luigi Basso

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Credo che, visto il fallimento della legatura elastica, non resta che l'intervento, anche in anestesia locale. L'Haemolind (in vendita presso lo SCV) è un prodotto svizzero simil-omeopatico composto da estratto emorroidario suino. E' efficace o si tratta di un effetto "placebo"? Mah, in qualche caso funziona, ma è pur vero che nei Paesi tecnologicamente più avanzati (USA, UK, etc.) nè sui testi più importanti di Chirurgia Colorettale non è nè contemplato l'Haemolind, nè lo sono i vari flavonoidi da noi tanto di moda (NON "Evidence Based Medicine"). Comunque le faccio tanti auguri. Prof. L. Basso (Roma)
Prof. L. Basso
"Sapienza" Università di Roma
Casa di Cura "Ars Medica", Roma
http://www.colonproctologia.com

[#2]  
25413

Cancellato nel 2013
Gentile Utente,
alla sua domanda si può rispondere in due modi: scientificamente ed empaticamente.
Scientificamente parlando dovrei dirle che se c'era l'indicazione alla legatura elastica c'è anche quella all'intervento. In parole povere, c'è una malattia emorroidaria o un prolasso mucoso del retto (che in pratica è la stessa cosa). Questa condizioni richiede un intervento chirurgico.
Se invece provo a mettermi nei panni del paziente, il ragionamento da fare è un altro. Non si tratta di una malattia letale, quindi l'intervento viene fatto solo per migliorare la qualità di vita. Se questa è già migliorata con altri presidi (ma sono daccordo con il collega precedente sulla non scientificità di alcune "terapie"), allora non ci sarebbe necessità dell'intervento chirurgico.
L'intervento (comunque lo si esegua) ha pro e contro: sicuramente espone al rischio di complicanze, ma (di solito) risolve il problema, eliminando (o riducendo) il rischio di fastidi futuri. La "terapia" medica invece in questo caso può essere un buon sintomatico, ma nulla di più.
E' una decisione che spetta a lei dopo aver consultato il suo chirurgo.
Auguri

Giovanni D. Tebala
gtebala@medicitalia.it

[#3]  
Dr. Attilio Nicastro

28% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
LECCE (LE)
ROMA (RM)
LATINA (LT)
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Caro Utente,
la legatura elastica è indicata nel trattamento sintomatico delle emorroidi di 1° e 2° grado così come la terapia medica (orale e locale). La prima cosa da fare per indicare la necessità di un trattamento chirurgico è fare diagnosi di gravità. Il mio consiglio è di sottoporsi ad una visita proctologica completata con una viodeoproctoscopia digitale a seguito della quale lo specialista saprà dare la giusta impostazione terapeutica.
Auguri
Dott. Attilio Nicastro
www.attilionicastro.it

[#4] dopo  
Utente 270XXX

Ringrazio innanzitutto per le numerose ed esaurienti risposte. Le mie emorroidi furono diagnosticate come di secondo grado. Dal mio punto di vista sarebbe comodo evitare l'intervento in vista delle possibili complicanze da anestesia (nel caso in cui fosse totale), della eventuale possibilità che non risolva del tutto il problema, del dolore e tempo di recupero post operatorio. A tutt'oggi la situazione, ed in particolare rispetto due mesi fa quando era per me estremamente grave (le emorroidi non rientravano), è tollerabile. Il punto è questo, posso sperare che la situazione si stabilizzi o perfino migliori (attualmente non sto assumento alcun farmaco), o comunque prima o poi dovrò sottopormi ad un intervento? Inoltre che tipo di intervento potrò attendermi se accetterò di eseguirlo presso il policlinico di Tor Vergata (domani ho gli esammi preliminari)?

[#5]  
Dr. Attilio Nicastro

28% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
LECCE (LE)
ROMA (RM)
LATINA (LT)
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Caro Utente,
da quanto da lei precisato le sue emorroidi sono comparabili ad un 3° grado ed è quindi indicato l'intervento chirurgico. La domanda sul tipo di intervento che le sarà fatto dovrebbe rivolgerla direttamente ai medici che la stanno curando.
Auguri
Dott. Attilio Nicastro
www.attilionicastro.it

[#6] dopo  
Utente 270XXX

Oggi ho effettuato gli accertamenti preliminari ed ho avuto l'occasione di parlare con un chirugo che mi ha spiegato che l'intervento sarà in radiofrequenza. Potrei sapere esattamente in cosa consiste, quali sono i vantaggi e gli svantaggi rispetto ad altri tipi di intervento ed eventualmente le complicanze che potrebbero nascere? Distinti saluti.

[#7]  
25413

Cancellato nel 2013
Gentile Utente,
l'emorroidectomia con pinza a radiofrequenza è una recente modifica dell'intervento classico sec.Milligan-Morgan. Il vantaggio della radiofrequenza è un maggior controllo sul sanguinamento e un minore dolore postoperatorio. Consiste nell'asportazione dei tre (di solito) gavoccioli emorroidari e della mucosa soprastante fino all'apice, che si trova ben all'interno dell'ano.
Come sicuramente saprà, esistono altri interventi per trattare la patologia emorroidaria. L'alternativa più diffusa è la prolassectomia (o anopessi) meccanica sec Longo.
La scelta dipende in gran parte dalla preferenza del chirurgo.
Recenti studi scientifici su un numero elevato di casi non hanno in realtà dimostrato una chiara superiorità dell'una o dell'altra tecnica, soprattutto nei risultati a distanza.
Nel suo caso, la tecnica migliore è quella che le propone il suo chirurgo: è con lui che deve instaurare un rapporto di fiducia. E' alla sua esperienza che deve rifarsi per valutare i rischi e le possibili complicanze.
Auguri
Giovanni D. Tebala
gtebala@medicitalia.it

[#8] dopo  
Utente 270XXX

Sono passati 27 giorni dall'intervento. Il primo giorno, soprattutto a causa del tamponcino, è stato di sofferenza atroce. Durante la prima settimana il dolore è stato molto intenso, poi man mano la situazione è andata migliorando. Sono andato in bagno regolarmente e senza stitichezza degna di particolare nota. A tuttoggi comunque, nonostante feci estremamente morbide e praticamente nessuno sforzo per la defecazione, accuso ancora un po' di dolore (o forse bruciore). Volevo sapere se la sensazione è normale o no. Potrei avere una ragade? Accuso inoltre fastidiose, ancorché sempre più modeste, perdite. Documentandomi sono venuto a conoscenza del fatto che la possibilità di recidive con la tecnica Milligan-Morgan è estremamante bassa, ma è consigliabile comunque un regime alimentare appropriato?
Grazie per l'attenzione.

[#9]  
Dr. Attilio Nicastro

28% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
LECCE (LE)
ROMA (RM)
LATINA (LT)
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Caro Utente,
perchè il tanmponcino? Il dolore post-operatorio quando è presente può essere dovuto ad uno spasmo sfinteriale ma con opportuni accorgimenti facilmente risolvibile. E' vero che l'emorroidectomia aperta è una tecnica sicura con recidiva quasi trascurabile ma questo dipende anche dall'esperienza del chirurgo operatore. Chi ha sofferto di emorroidi anche se ha subito l'intervento deve correggere se presente la stipsi, sempre.
Auguri
Dott. Attilio Nicastro
www.attilionicastro.it

[#10] dopo  
Utente 270XXX

A distanza di quattro anni e mezzo dall'intervento l'unico gavocciolo emorroidario che non fu asportato, di dimensioni ridotte, si è ingrandito e mi causa problemi.
Il chirurgo che mi operò mi disse che non lo aveva asportato per non restringere troppo il retto. Cosa devo fare? A pensare ad un nuovo intervento mi viene già da piangere.

[#11]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Magari una legatura elastica puo' risolvere il problema.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#12] dopo  
Utente 270XXX

La ringrazio per la cortse risposta. Dove mi conviene rivolgermi, considerato che gravito geograficamente nella zona tra Roma sud e Pomezia?

[#13]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile Utente
Una legatura elastica, se indicata, potrà essere eseguita nella stessa struttura dove è stato precedentemente trattato il prolasso emorroidario.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com