Utente
Buongiorno

A seguito di un'episodio di stipsi con sanguinamento e dolore al passaggio delle feci (abbastanza dure), mi sono sottoposto ad una visita proctologica nel timore di soffrire di emorroidi (nella zona dell'ano c'e' una sorta di escrescenza)
Il proctologo mi ha detto che si tratta di ragade e che l'escrescenza e' la pella spinta in fuori dalla ferita.

Mi ha dato da provare una crema al cortisone da applicare per due settimane per vedere se la ferita rimargina. (ho gia' riequilibrato la mia dieta)

La mia domanda: in caso la ragade si rimargini, questa escrescenza si riassorbira'?

Grazie per il vostro prezioso parere.

[#1]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, l'escrescenza di cui lei parla è molto probabilmente una marisca sentinella, che solitamente si crea nelle ragadi con caratteristiche di cronicità, motivo per il quale se si tratta di ciò che sospetto la stessa che di per sè non rappresenta il vero problema, potra essere eventualmente eliminata chirurgicamente.
Cordiali saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#2] dopo  
Utente
Dott. Sforza,
la ringrazio per la sua risposta.

Non ci sono possibilita' che questa marisca si riassorba da sola con la guarigione della ragade?

L'intervento chirurgico di cui parla puo' essere effettuato senza intervenire chirurgicamente sulla ragade (cosa che vorrei evitare) e ci possono essere controindicazioni?

Grazie mille e cordiali saluti

[#3]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, la marisca non è altro che un tentativo o meglio una risposta dell'organismo per far si che si cicatrizzi la ragade, quindi esita come cicatrice di qual cosa che è accaduto nella sua storia clinica.
L'asportazione chirurgica può essere effettuata, senza intervenire sulla ragade e ovviamente ha un senso, solo se la ragade è guarita.
Cordiali saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza