Utente
Gentili Dottori,
a causa di una cura iniziata da poco e che dovrà proseguire per molto tempo con psicofarmaci (il farmaco che mi provoca il problema è l'Anafranil) sto avendo problemi di stitichezza che ovviamente il farmaco mi causa.

Il problema però è un altro:premetto che mi capitava già da quando ero ragazzino di avere sanguinamenti anali solo ed esclusivamente con la defecazione,ma si trattava di fenomeni rarissimi e non si è mai trattato il problema,che in fondo problema non era dal momento che mi capitava al massimo una volta ogni tre mesi.

Siccome adesso prendo questo farmaco e la defecazione non è piu "regolare",ma giunge dopo sforzo e dolore,capita sempre fuoriuscita di sangue.

Vorrei sapere che cosa bisogna fare in questi casi e se queste fuoriuscite possono portare problemi piu gravi. Il farmaco purtroppo è indispensabile e non posso sospenderlo.

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
le consiglio di utilizzare del macrogol per "ammorbidire" le sue feci.

Naturalmente si consulti con un gastroenterologo della sua zona.

Cordialità
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dottore,
quello che mi ha dato è un farmaco....andrebbe assunto quotidianamente?

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
E' un prodotto maneggevole, a basse dosi, che esplica la sua azione nel lume intestinale, come ho detto "ammorbidendo" le feci, può usarlo a cicli.
E' ovvio: sotto la supervisione del suo curante.

Saluti.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, considerata la necessità di assumere il farmaco e i giusti consigli del collega, se non dovesse osservare miglioramenti riguardo al sanguinamento, le consiglio anche una valutazione proctologica per una migliore definizione della natura dello tesso.
Cordiali saluti.
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza