Utente
Salve, mi chiamo Andrea e ho 23 anni.

Circa un anno fa notai sulle mie feci della tracce di sangue di color rosso, non particolarmente vivo ma sicuramente neppure scuro. Tale sangue avvolgeva le feci, e su quest'ultime erano presenti delle chiazze e delle striature dello stesso sangue che raramente ho trovato anche sulla carta igienica.
Devo sottolineare che questo problema si presenta 1volta su3 ogniqualvolta evacuo (non ho mai dolori durante l'evacuazione), e sopratutto quando le mie feci sono a palline; tale consistenza delle feci si potrae da circa un anno, con rari episodi di defecazione con consistenza delle feci normale, cioè a salsiccia (in questi rari casi, sulle feci non vi era alcuna traccia di sangue).
Inoltre, non raramente ho riscontrato feci di color senape.

Devo sottolineare che lo scrupolo mi ha più volte portato a munirmi di guanti per controllare se ci fosse del sangue anche all'interno delle feci, e ogni volta che ho effettuato tale operazione non ho rilevato all'interno delle feci alcuna traccia di sangue (presente invece all'esterno delle feci).
Mi sono più volte recato dal medico il quale sostenne che tali sintomi fossero associati alla presenza di emorroidi interne, e pertanto mi ha consigliato un'alimentazione a base di fibbre che ha fatto sì che le feci fossero più fluide e a forma di salsiccia (in questi casi, come ho detto, non vi era del sangue).

I problemi però si presentano sopratutto nelle ultime 2 settimane, in quanto presento i seguenti sintomi:

- negli utlimi 21 giorni ho evacuato circa 10 giorni, con sangue sule feci almeno 4 volte;

- pesantezza addominale che mi accompagna per tutto il giorno, sopratutto (e stranamente) dopo l'evacuazione;

-senso di evacuazione incompleta;

-gas ed eruttazioni frequenti;

- leggero senso di nausea che svanisce quando mangio.

Non presento né vomito, né febbre, né perdita di peso.

Nel corso di questi 12 mesi ho fatto le analisi del sangue almeno 3 volte, ed i valori erano tutti nella norma.
Nelle ultime analisi (fatte a dicembre), però, ho riscontrato alcuni valori del fegato leggermente alti (secondo il medico causati dall'eccessivo abuso di dolci e cibi pesanti consumanti in periodo di festa) e ho riscontrato anche un po' di anemia (ma di ciò ne soffro da bambino).

La mia paura è che tali sintomi indichino patologie più gravi del colon, però considerata la giovane età mi auguro si tratti di colon irritabile (in questo caso, come si spiega il sangue nelle feci?). Nessuno in famiglia ha mai avuto tumori o polipi al colon.
Infine, credo sia opportuno sottolineare che da settembre 2011 a dicembre 2012 sono stato soggetto a periodi di eccessivo stress psicofisico determinato sia dall'eccessivo studio (10 esami in un anno + tesi) sia da problemi famigliari; e l'attività sportiva, fino due anni fa quotidiana, è divenuta estremamente occasionale.
La domanda è: devo preoccuparmi? c'è la necessita che io debba fare una colonscopia?

Grazie e distinti saluti

[#1]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Si direi che i sintomi potrebbero essere anche di origine diversa da quella emorroidaria. Pertanto sarebbe consigliabile una visita specialistica gastroenterologica per valutare la necessita di una colonscopia, che personalmente riterrei utile.
Dr. Roberto Rossi

[#2] dopo  
Utente
Quindi lei esclude anche l'ipotesi di colon irritabile?

Saluti

Andrea

[#3]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
No non è escludibile,
Dr. Roberto Rossi