Utente
il 5 maggio ho avuto una colica fianco sx diagnosticata come renale. una prima indagine con ECO evidenzia uretere libero e piccolo calcolo rene sx. il 12/5 riprendono dolori fianco sx. mi reco da un urologo in struttura privata, il quale, vedendomi molto sofferto , mi fa fare una tac al volo che in una prima preview evidenzia uretere libero e il solito calcolino. il giorno dopo , la tac viene refertata, il mio urologo mi chiama e mi invita caldamente a recarmi presso la struttura da un suo collega chirurgo, poichè la tac evidenzia grossa lesione al colon sigma, dubitando a questo punto che la colica fosse renale. ieri il chirurgo mi ha visto mi ha chiesto se riesco ad evacquare perchè sono a rischio occlusione. che intende fare una colon ma che non puo garantirmi di riuscire a togliere il polipo durante la colon. mi ha detto che è molto grosso ma che dalla tac i linfonodi non sembrano alterati e nemmeno la parete dell''intestino sembra alterata percio per ora di non allarmarmi.
gli ho fatto presente che dal 12/5 sento un dolore fisso al fianco sinistro e che i dubbi che non fosse di natura renale erano venuti anche a me , perchè ho delle fitte al colon sinistro da una settimana. sulla questione dolore il chirurgo però non mi ha fornito una risposta che non mi convicente pienamente , secondo lui questo polipo non puo causare dolore se non di tipo occlusivo.

Devo aspettare 8 giorni per la colon e sono molto in ansia ; questo dolore fisso non aiuta , cambia solo quando mi sdraio e alimenta la mia ansia perchè sembra quasi "esterno" al colon ma collegato al variare della pressione del colon...
Chiedo cortesemente qualche parere e/o suggerimento in particolare riguardo la probabilita che sia già diventato un carcinoma viste le dimensioni e se devo aspettare questi 8 gironi con questo dolore al fianco.
Grazie

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Mi sembra un iter dagnostico corretto.
Attenda la colonscopia per trarre conclusioni: la natura e la possibilità di asportare l' eventuale polipo endoscopicamente possono essere precisati solo in corso di colonscopia e con l' esame istologico del polipo rimosso o di eventuali biopsie.
Nel frattempo il dolore va controllato con adeguata terapia secondo le indicazioni del suo medico.
Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente
Buonasera, sono arrivato al giorno prima dell'esame e mi succede questo : ho eseguito la preparazione con moviprep ... iniziando con un po' di anticpo sulla tabella di marcia , ma comunque domani devo essere in ospedale sul presto. Ho bevuto i due litri con moviprep e ben oltre un llitro di acqua a seguire come suggerito dalle istruzioni

Purtroppo ho scarito ad ora pochissimo , (ho finito di bere circa una ora e mezza fa). Sento l'acqua che mi gorgeggia nel colon ma non esce; mi viene in mente che i dottori avevano pensato ad una semiocclusione e ho la netta sensazione che l'acqua rimanga intrappolata senza uscire. Ho pensato di aiutarmi con un clistere e mi é venuto in mente che circa due anni fa avevo avuto qualche segno premonitore, , non riuscivo a scaricarmi e dopo una settimana mi feci due tre clisteri ; e anche allora notai che l'acqua faceva fatica ad uscire e mi sembrò strano ... forse questo polipo era giá li due anni fa .... cosa posso fare per presentarmi all'esame pulito? Faccio un clistere domattina presto prima di uscire ?

Ringrazio in anticipo

[#3]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Esegua la preparazione esattamente come indicato.Il clistere aggiuntivo puo' essere un' opzione
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#4] dopo  
Utente
Si io ho rispettato le indicazioni , ma temo che su di me la cosa non stia funzionando.
Puo succedere ?

[#5] dopo  
Utente
Buongiorno,, avrei bisogno di in parere a valle della colonscopia di cui sopra.

Purtroppo come sospettavo , il MOVIPREP non ha avuto l'effetto lassativo sperato e nonostante fossi a dieta liquida da 4 giorni prima della colon non mi hanno trovato completamente pulito sopratutto sul colon destro.

Per questo mi è stato detto che non hanno potuto tentare la polipectomia.

Ho alcune perplessità condivise peraltro anche dal mio medico di base:

a non mi è stato fatto l'esame istologico , anche se il tratto sigmoideo ove si trova il polipo risultava pulito

b mi hanno proprosto un secondo tentativo di polipectomia endoscopica direttamenzte in sala operatoria in modo da procedere con eventuale coloctomia direttamente in caso di fallimento dell'intervento endoscopico. Mi è stato sostanzialmente proposto una procedura come si trattasse di carcinoma quindi con rimozione del colon sinistro e linfonodi amche se a parere dell'endoscopista il polipo ê non maligno a quanto hanno visto.

c. un altro punto dubbio è che dopo la colon l'assitente dell'endoscopista ha parlato di polipo di 5 cm di diametro peduncolare che si muove nel sigma. Sulla lettera di dimissioni si parla di polipo sessile di 5 cm.



E' un approccio che mi pare troppo invasivo nell'ipotesi che non sia maligmo, oppure mi sbaglio ?

[#6]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
In linea di massima mi sembra tutto piu' che corretto ( sui polipi non si fanno biopsie, si asportano e i polipi non asportabili endoscopicamente si asportano per via chirurgica anche se benigni), puo' tuttavia trascrivere esattamente il reperto della colonscopia per favore?
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#7]  
Dr. Marco Catani

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
gentile utente,

potrebbe essere giustificata la sua sensazione.

prima di eseguire manovre invasive necessiterebbe una biopsia o forse più biopsie sul polipo.

qualora, in base alle caratteristiche del polipo e/o dell'esame istologico, la colotomia e l'asportazione chirurgica del polipo potrebbe non essere indicata.

nella eventualità della asportazione del polipo una resezione del colon più o meno estesa, comprendente il polipo sarebbe necessaria.

per essere comunque meno invasivi si potrebbe eseguire il tutto per via laparoscopica.

spero di esserle stato utile.

cordiali saluti

ci tenga informati
Marco Catani
http://www.marcocatani.it
Il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#8] dopo  
Utente
Grazie per la pronta risposta dottore , ho solo il foglio di dimissioni che recita:
"esame condotto sino al colon dx in condizioni di scadente preparazione intestinale, specie a livello del traverso e del colon dx che impedisce la visualizzazione dello sfondo cecale (boston score 1). a circa 25 cm dall'ano si osserva un polipo semipeduncolato di circa 20 mm di diametro e subito a monte un polipo sessile di circa 5 cm di diametro. in considerazione della scadente preparazione intestinale e della complessita della manovra endoscopica si preferisce rinviare il tentativo di asposrtazione endoscopica"

Dottore ma è prassi asportare tutto il colon sinistro se non riuscisse la manovra, e senza indicazioni riguardo alla natura del polipo ?

Grazie di nuovo per il suo parere.

[#9]  
Dr. Marco Catani

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
gentile utente,

è sicuro che il diametro sia di 5 centimetri?

in famiglia esistono dei precedenti analoghi?

mi perdoni queste domande ma potrebbero risultare utili ai fini di una valutazione complessiva

consideri sempre e comunque i limiti di una valutazione a distanza.

cordiali saluti
Marco Catani
http://www.marcocatani.it
Il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#10] dopo  
Utente
Un altra cosa che mi lascia perplesso è che il polipo è stato descritto dagli endoscopisti come fosse penduncolare , ovvero con un penduncolo tozzo di circa 1,5 cm che balla nel sigma , creando peraltro un rischio sub-occlusivo, mentre il foglio di dimissioni fa riferimento a un polipo sessile, che mi risulta essere piu adeso alla parete intestinale.

Mi è stata data una probabilità di riuscita endoscopica dell'85% e il medico endoscospista mi ha ispirato fiducia. Al contrario il medico chirurgo mi ha proposto un approccio che mi sembra troppo invasivo e che giustificherei solo in certezza di carcinoma.

Per questo sono indeciso se tornare da loro o rivlgermi altrove...

ringrazio in anticipo per ogni parere in merito.

[#11] dopo  
Utente
grazie anche al dottore della replica 7 e 9 (si possono fare i nomi dei medici del forum ?)

si è di cm 5 , ovvero un grosso polipo, che all'apparenza non sembra già trasformato in carcinoma. vista la franchezza con cui si esprime il chirurgo me lo avrebbe gia tolto se fosse stato di diverso avviso! in famgilia i polipi li hanno avuto entrambi i genitori , tuttavia verso i 65 anni , e di dimensioni ridotte.

in entrambi i casi erano benigni.

Grazie di nuovo

[#12]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Letto l' esito dell' esame che ha trascritto, dove peraltro vengono descritti due polipi e non uno, le confermo che le indicazioni che ha ricevuto sono condivisibili: la polipectomia endoscopica è una tecnica efficace ed adeguata se è possibile eseguire l' asportazione completa del polipo.
In corso di cosiddetta polipectomia 'difficile' per le dimensioni, la sede o le caratteristiche locali dellal esione, il rischio di complicanze (emorragia, sanguinamento ) è maggiore ed appare quindi ragionevole e corretto eseguire l' esame in sala operatoria nelle condizioni ottimali per affrontare eventuali problemi.
Qualora l' esame istologico del polipo asportato endoscopciamente dimostri trattarsi di lesione maligna, in certi casi e non in tutti è indicato e sara' opportuno programmare la resezione intestinale.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#13] dopo  
Utente
Grazie per le risposte; oggi pomeriggio ho sentito un secondo parere presso altra struttura dove l'unica cosa su cui hanno eccepito è stata la mancata biopsia che invece era cosa possibile. Avrebbe dato giá una informazione in piú. Mi é stato spiegato che il successo dell'intervento endoscopico, dipende sia dall'abilità dell'operatore sia dalla qualità della parete intestinale. se non è stata pregiudicata dai polipi la probabilità di riuscita dell'intervento saranno maggiori con minori complicanze. Viceversa va da se che la resezione si rende necessaria.

In sostanza è cambiato il modo con cui mi sono state spiegate le cose. tuttavia anche i modi sono importanti perchè costituiscono la base su cui fonda la fiducia medico-paziente.

secondo il parere di oggi sono stato un po troppo allarmato , vista la buona probabilità di riuscita dell'intervento in endoscopia.

Stanotte deciderò se eseguire l'intervento nella struttura di origine o andare in quella dove stato oggi.

Colgo l'occasione per ringraziare i medici che mi hanno fornito il loro parere e vi aggiornerò sull'esito

Cordiali Saluti.

[#14]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Ha ragione.Spiegare le cose e'essenziale.Auguri!
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#15] dopo  
Utente
Eccomi qua, dimesso oggi; purtroppo non è staro possibile l'asportazione del polipo per via endoscopicoa perchè non è stato ottenuto il sollevamento della mucosa nella parte centrale del polipo, ed è stato asportato solo quanto necessario alla biopsia.

L'intervento chirurgico è stato programmato tra 10 gg e sono stato abbastanza tranquillizzato sulla natura di questo polipo ; i marker sono al momento negativi.

Ora sono un po preoccupato perchè dopo la colonscopia (avvenuta martedi mattina) mi si è alzata la febbre e ho notato perdite di sangue dal retto. Per via della febbre (38) sono stato trattenuto in osservazione.

Poichè da stanotte la febbre è scomparsa e l'esame del sangue di stamane riscontrava un rientro nella normalità dei globuli bianchi sono stato dimesso sotto terapia antibiotica.

Purtroppo arivato a casa ho espulso una grosso grumo di sangue oltre a sangue rosso vivo.

Ho contattato telefonicamente la dr.ssa che però mi dice che è tutto normale e di aspettare domani e dopo per valutare le evoluzioni.

Non ho la febbre ma i sanguinamenti continuano.

E davvero tutto normale?
Grazie in anticipo.


[#16]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Dipende dall' entità del sanguinamento. Entro certi limiti si, oltre è opportuno recarsi in pronto soccorso.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#17] dopo  
Utente
Grazie dottore, a parte il grumo di oggi , gli altri episodi non mi fanno pensare ad un sanguinamento da emorragia. però sembrerebbe un sanguinamento costante. Per interderci assomiglia un po al sanguinamneto da emorroidi.

Nel frattempo la febbre è risalita a 37.5 ; se domani sto come oggi cioe non troppo male ne troppo bene, sarà il caso di avvisare il reparto o posso aspettare un paio di giorni ? la terapia antibiotica è stata prescritta per 3 giorni.

Non vorrei fare la figura di quello che grida al lupo al lupo quando il lupo non c'è , visto che non mi pare che abbiano dato troppa importanza al fenomeno.

Nello stesso tempo la presenza costante del sanguinamento e della febbre non mi lasciano troppo sereno.


Grazie di nuovo per l'attenzione.

[#18]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Nel dubbio,avvisare.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#19] dopo  
Utente
Non ho idea di come dovrebbe essere il decorso post-operatorio a seguito dell'intervento di resezione in laparoscopia, in quanto tempo potrò riprendere , mediamente , l'attività lavorativa?

Come dicevo in precedenza non ho ricevuto molte indicazioni ..


Grazie



[#20]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Sicuramente le riceverà presso la struttura dove sarà operato, il linea di massima comunque un decorso regolare prevede una graduale ripresa dell' atitività fisica e lavorativa di una o due settimane e una successiva completa ripresa.
Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#21] dopo  
Utente
Salve, in questo momento sono in riccvero presso la struttura per la resezione del colon interessata dal polipo, intervento che subiro domattina.

Nel frattempo è arrivato l'esito dell'esame istologico fatto su una parte del polipo, che riferisce di adenoma con displasia di basso grado e focalmente di alto grado.

È gia un tumore? il chirurgo mi ha detto che si dovra valutare l'esame istologico di tutta la parte asportare per verificare eventuali infilttrazioni esterne.

Grazie per l'attenzione

[#22]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Ottimo.No.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#23] dopo  
Utente
Grazie dott. Favara.! L'aggiornerò sull'esito finale. Le sue indicazioni mi sono sempre state molto utili.

Grazie di nuovo.

[#24]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Volentieri.Tranquillo.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#25] dopo  
Utente
Grazie dott. Favara.! L'aggiornerò sull'esito finale. Le sue indicazioni mi sono sempre state molto utili.

Grazie di nuovo.