Utente
Buongiorno, ho bisogno di un vostro parere. Mi capita di svegliarmi di notte con un forte dolore all'ano, la sensazione è come se dovessi defecare ma avessi l'ano chiuso. Ovviamente non è cosi ma è solo una sensazione infatti anche producendo aria il dolore non passa. Il dolore è crescente e da solo regredisce fino a scomparire e io mi riaddormento.
negli ultimi casi, o almeno quando riesco a ricordare i sogni mi sono accorta che sono conseguenti ad un sogno a sfondo sessuale.
questo mi capita molto raramente, mi è accaduto qs notte e forse l'ultima volta è successo questa estate... mi è anche capitato di avere 2 episodi a distanza di poco tempo...
cosa può essere? cosa posso fare? mi devo preoccupare?

grazie del vostro parere.
buona giornata

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Una ragade ad esempio.
Una visita proctologica.
Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente
buongiorno Dottore la ringrazio molto per la sua risposta ma ho un dubbio.
se fosse una ragade non avrai altri sintomi? Io nn ho assolutamente nessun problema a defecare, non ho ne bruciori ne fastidi di nessun tipo.
Grazie per la sua risposta,.

[#3]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Non necessariamente. Non sempre la ragade si presenta con i sintomi tipici. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#4] dopo  
Utente
quindi l'unica soluzione è una visita da un proctologo? oppure c'è qualche cosa che posso fare nel frattempo per vedere se il disturbo regredisce?

grazie!

[#5]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Se il sintomo persiste, eventualmente previa valutazione del suo medico di base, mi sembra la cosa piu' sensata.
Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it