Utente
Buongiorno. i primi giorni di gennaio ho iniziato a sentire dei fastidi al momento della defecazione che si sono fatti giorno dopo giorno sempre più intensi. come prassi mi sono recato dal medico di base che mi ha diagnosticato una ragade anale poi confermata anche dal medico proctologo che ho consultato successivamente.
mi sono subito messo a dieta e il 6 marzo ho iniziato la seguente terapia: semicupi caldi quando sono a casa, (a lavoro non posso) Antrolin 2 volte/die, proctoial la sera prima di andare a dormire e una bustina di fibrolax dopo cena. al risveglio mattutino sento un prurito da impazzire dentro e tutt'intorno.. non sento molto dolore durante la defecazione (secondo me grazie al fibrolax) ma successivamente sempre quel prurito micidiale che mi accompagna per un'oretta. sangue non ne ho più visto.. ma durante la giornata "sento" stringendo i muscoli dell'ano che la ferita c'è sempre bella presente. forse dovrei cercare di non farlo? il 9 aprile ho una nuova visita di controllo e spero con tutto il cuore che il medico mi dica che sta guarendo, anche se non ci credo più ormai.. ho il terrore che appena smetto con le fibrolax quella maledetta si risvegli! è un taglietto lo so.. ma mi sta cambiando la vita e facendo perdere la serenità! la notte dormo male e mi stanno venendo delle crisi d'ansia!
so che nessuno ha la bacchetta magica, ma dai sintomi sopra esposti potrei sperare che sia iniziato un processo di guarigione? cosa indica il prurito e il fatto che io stringendo continuo a sentirla?
grazie e cordiali saluti a tutti.

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Può sperarlo!
... anzi è proprio quello che sovente accade!

Eviti anomali traumatismi (<<stringendo continuo a sentirla?>>).
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille dottore.. mi da un barlume di speranza con la sua risposta. cercherò di evitare di stringere le natiche, che è diventata una cosa compulsiva. devo cercare di rilassarmi a tutti i costi!
sono disposto ad usare anche i dilatatori se necessario, e ho intenzione di parlarne con il proctologo che mi sta seguendo.
so che non si possono dare consigli sui farmaci da usare ma volevo chiedere se fibrolax o psyllo plus si equivalgono e se assolvono alla medesima funzione. ho una scatola di psyllo plus a casa, potrei usare quella o meglio continuare con fibrolax? grazie.


[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
I prodotti si equivalgono.

La saluto cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it