Utente 379XXX
Salve dottori,

Due giorni fa tornato a casa la sera mi corico, l'indomani mi sveglio con delle fitte all'interno dell'ano (premetto che la sera non avevo voglia di andare in bagno anche se avevo un leggero stimolo) molto dolorose! Che aumentavano all'atto defecatorio.
In genere io vado di corpo un paio di volte al mattino ogni giorno e le mie feci sono di consistenza normale/morbide.

Ieri i sintomi sono migliorati, fitte meno dolorose, ma quando mi sedevo avvertivo come qualcosa nell'ano e a volte avevo un dolore in basso a destra al ventre se poggiavo il peso sul gluteo sinistro. Nonchè una sensazione di dover defecare, ma senza che nulla uscisse.

Oggi le fitte sono pressochè nulle, anche se mi siedo, però avverto questo disagio a livello anale, come un blocco che non fa uscire le feci come si deve, e al ventre avverto una sensazione di pienezza. Quando defeco sento un leggero dolore e bruciore nella parte alta dell'orifizio anale.

Premetto che ho curato un'epididimite (la quale è durata 5 mesi) che ancora adesso mi da fastidi a livello perianale, facendo due cicli di antibiotici e antinfiammatori FANS e non senza che mi venisse prescritta alcuna protezione. Il mio medico di famiglia è completamente inaffidabile (lo cambierò a breve), per cui mi sono rivolto alla mia farmacista di fiducia che conosce la situazione, mi ha dato fermenti lattici e ha detto che si può trattare di emorroidi oppure ragadi. Però non mi spiego il senso di evacuazione ostruita ed incompleta.

Sono un po' ipocondriaco, potreste dirmi gentilmente cosa potrei avere? Già è stata traumatizzante questa epididimite durata 5 mesi, non riesco a finire di risolvere un problema che ecco ne spunta un'altro!

grazie dell'attenzione.
Attendo risposta.
Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile Utente.
Non è possibile fare una diagnosi a distanza e senza averla visitata.
La sintomatologia riferita richiede una visita diretta ed una proctoscopia per escludere altre possibili cause, infiammatorie o funzionali, oltre a quelle "diagnosticate" dal farmacista.
Se lo desidera ci tenga informati.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com