Utente 141XXX
Buongiorno Dottore

Da qualche mese noto al tatto nella zona anale un lieve rigonfiamento e all'inizio pensavo si trattasse di un' altra emorroide.
Ma poi dopo aver fotografato la zona e aver fatto 2 ricerche su internet mi e' parso che potesse
trattarsi di una papilla anale ipertrofica. Pero' non essendo un dottore e per capire se posso far finta di nulla
o meno ho preferito prima di consumare permessi lavorativi porre il quesito in questo sito.

Cliccando su questo link sicuro e' possibile vedere l'immagine relativa alla foto scattata da me medesimo
(sulla sinistra si possono notare due escrescenze una piccola e l'altra un pochino piu' grande)
https://s19.postimg.org/en5mvamoj/Papilla_Anale_Ipertrofica_Quesito.jpg


Infine ma credo non ci sia alcuna attinenza mi chiedevo
visto che in questi ultimi anni ho sviluppato anche due dermatofibromi alla gamba sinistra
se ci sia qualche predisposizione genetica a sviluppare questo genere di patologie o se trattasi
di pura coincidenza /casualita'.


Grazie in anticipo per la risposta

Cordiali saluti
Marco da Genova

[#1]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, lei comprenderà che la foto non può sostituire una visita, che non è urgente se non ha altri sintomi, ma è necessaria per dissipare i suoi dubbi. Cominci con il parere del curante e se non è sufficiente si rivolga ad un proctologo. Rispetto ai dermatofibromi, ritengo che le due cose abbiano una natura diversa.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza