Utente 416XXX
Buongiorno dottori di medicitalia, scrivo perché volevo sapere se è una cosa comune questa che mi affligge un po.
Sono stato operato a maggio per una ragade che non voleva guarire, dopo quasi 5 mesi ho ancora dei fastidi a livello del taglio fatto dal chirurgo, non sempre, solitamente accuso il bruciore dopo dieci, venti minuti che cammino. In questi mesi si sono alternati giorni del genere a giorni di completo benessere ma negli ultimi giorni appena faccio una passeggiata sento questo bruciore simile a quello della ragade, ieri ho provato ad utilizzare Actirag la pomata che il mio proctologo mi ha dato nei mesi prima di essere operato, sinceramente mi sono tranquillizzato perché la canula all'interno dell'ano non mi ha provocato nessun dolore o fastidio come avveniva in precedenza ma diciamo che oltre a un minimo rilassamento del tono anale non è servita più di tanto, oggi mi sono svegliato senza dolori e il decorso è stato quello finché non sono uscito ed ho camminato per un po, torno a casa e dopo poco tempo non sento più alcun fastidio. Ho un po di timore nel pensare che si possa riaprire o formare una nuova ragade, ho letto da qualche parte che la ferita che si fa durante l'operazione guarisce anche dopo 6 mesi però mi fa strano perché prima di questa situazione ho passato poco meno di un mese senza accusare questi fastidi o almeno non così importanti da farmi preoccupare. Grazie in anticipo per la risposta, cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile utente
Mi sembrava di aver capito che il suo non è un dolore che proviene dal canale anale, ma un dolore nella zona perianale sede della pregressa cicatrice(ho ancora dei fastidi a livello del taglio fatto dal chirurgo), ma poi lo descrive come quello anale della ragade (appena faccio una passeggiata sento questo bruciore simile a quello della ragade).
A distanza e senza una visita diretta non è possibile dirle se è presente una recidiva o altro.
Le consiglio una visita di controllo colonproctologica.
Se lo desidera ci aggiorni.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente 416XXX

Grazie della risposta, sinceramente credo sia un dolore perianale ma data la vicinanza all'ano non mi è facile distinguerlo. Il fatto è che se levo gli indumenti o mi riposo un po il fastidio passa da se, non ho problemi ne da seduto ne da sdraiato anzi appena mi siedo o sdraio passa quasi del tutto e sento solamente un leggero solletico, diciamo cosi. Terrò in conto una visita specialistica, volevo anche sapere se è normale che il polipo sentinella rimanga all'esterno

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Prego.
Il polipo sentinella è un esubero di pelle, più o meno fibroso, che si forma sul margine cutaneo anale all'apice della ragade, quindi è normale la sua localizzazione esterna.
Altra cosa è il polipo anale o papilla anale ipertrofica, questo, in seguito ad una ragade, può svilupparsi sull'apice interno della ragade e solo quando è fornito di un lungo peduncolo può fuoriuscire dall'ano.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#4] dopo  
Utente 416XXX

Buona sera dottore, scrivo di nuovo per ricevere un consiglio esperto. Mi sono sottoposto ad un'altra visita proctologica dal dottore che mi ha operato precedentemente. Mi ha rassicurato che non c'è più traccia della ragade e la cicatrice della sfinterotomia è già guarita. Ho espresso i miei fastidi e mi ha consigliato una radiografia alla colonna vertebrale e una visita fisiatrica. Dal referto della radiografia della colonna lombosacrale(così prescritta dal medico generale) si evince: Lievemente ridotto sul versante posteriore lo spazio intersomatico L5-S1. Vistoso meteorismo intestinale.
Mi chiedo se il bruciore e il fastidio che provo più che da un problema osseo sia dato da questo forte meteorismo intestinale dato che la riduzione dello spazio intersomatico sembra essere molto comune e non credo porti questo tipo di problemi. Ovviamente sono del tutto ignorante, per questo motivo mi rivolgo a voi per valutare se sia meglio una visita fisiatrica a questo punto oppure rivolgersi ad un gastoenterologo. Grazie mille

[#5]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Sarà chi la visiterà a trarre le conclusioni, spesso fastidi in tale sede sono da ricondurre a problemi di colonna e di postura.
Prego
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com