Utente 494XXX
Salve,
sono un ragazzo di 24 anni, premetto che mi trovo in Inghilterra per studio e sono stato visitato solo da medici generici, dato che qui riservano gli specialisti a problemi più seri del mio.
Dopo diverse settimane di stitichezza con feci dure e miste a sangue rosso vivo, e due episodi di nausea e febbre risolti in 24 ore, 3 mesi fa mi è comparsa una piccola emorroide nella parte finale dell'ano che ha iniziato a farmi male. Su consiglio del dottore, ho usato per circa un mese una pomata con ossido di zinco e bismuto, più Movicol per ammorbidire le feci. Il Movicol ha funzionato da subito e da allora è sparito anche il sanguinamento, ma ho continuato a sentire un leggero fastidio, che all'improvviso si è tramutato in prurito molto intenso, per cui mi è stata prescritta la stessa pomata che già usavo con aggiunta di idrocortisone, per 7 giorni. Nel frattempo, mi è stata anche controllata l'area dal medico, con un esame che presumo fosse anoscopia (ha usato uno strumento metallico allungato e fine). Mi ha detto di avere solo una piccola emorroide.
Finita la cura col cortisone, il prurito intenso è ritornato, così ho provato un'altra pomata con lidocaina ed ossido di zinco, trovata in farmacia, che ha calmato il problema fin dalla prima applicazione. Tuttavia, dopo due settimane di applicazioni, sentivo ancora prurito, seppur meno intenso. Sono andato nuovamente da un dottore che mi ha prescritto supposte prednisolone e cincocaina. Ho aspettato ad usarle per provare prima un farmaco ai flavonoidi (Diosmina ed Esperidina 500 mg), che qui purtroppo non viene né consigliato né commercializzato in in nessuna forma. Ho dovuto informarmi da solo, leggendo anche pubblicazioni accademiche, ed ordinarlo su internet. Ho preso per tre giorni tre pastiglie due volte al giorno, per quattro giorni due pastiglie due volte al giorno, e sto ancora prendendo una pastiglia due volte al giorno.
Passato un mese ed il fastidio è diminuito ulteriormente, ma è ancora presente, soprattutto dopo che mi pulisco, assieme alla piccola escrescenza. Alla fine ho provato anche le supposte prescrittemi, per 12 giorni, ma non mi sembra abbiano avuto effetto rilevante.
Ora io mi chiedo: è normale che solo una piccola emorroide possa causare fastidi a tutta la zona anale così a lungo? Potrei avere altri problemi, ad esempio delle infezioni batteriche collegate anche agli episodi di febbre avuti mesi fa? E nel caso, che analisi dovrei richiedere per poterli rilevare?
Specifico anche che dal primo consulto con un medico ho iniziato a bere circa due litri d'acqua al giorno, aumentare la quantità di frutta, verdura e fibre nell'alimentazione ed evitare cibi piccanti. Inoltre sto facendo movimento tutti i giorni, evitando, per quanto possibile, di stare seduto troppo a lungo.
Mi scuso per la lunghezza del post e ringrazio in anticipo per la disponibilità.

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Eviterei le pomate con cortisone ed escluderei problemi infettivi come giustamente lei accenna. Considererei poi eventualmente legature elastiche per il problema emorroidario. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it