Utente 501XXX
Buonasera, circa 2 settimane fa mi è stato inciso e drenato in pronto soccorso un ascesso pilonidale che avevo da diversi giorni e che non regrediva. La ferita è poi stata lasciata aperta e zaffata con medicazioni a giorni alterni e lavaggi di acqua ossigenata e betadine per circa una settimana. Da 3 giorni la ferita, che secondo il chirurgo risulta ben detersa, è stata lasciata libera con l'indicazione di eseguire lavaggi con acqua ossigenata nel buco che da come mi è stato indicato non si sarebbe dovuto chiudere ma rimanere aperto. In realta sopra la ferita si è formato del tessuto biancastro che ha chiuso completamente il buco anche se comunque continua a spurgare una sostanza giallastra ma non maleodorante. Io sto comunque effettuando i lavaggi come mi è stato detto spruzzando l'acqua ossigenata sulla ferita in modo tale che comunque possa penetrare. Il problema è che lateralmente alla ferita risulta esserci una zona dura e tumefatta dolorosa da toccare che non so se c'era anche quando le medicazioni venivano fatte in ospedale perchè in quel momento avevo paura a toccarmi. Ho paura che questa parte dura sia un residuo dell'ascesso che non si è ben drenato o che si è riformato. Secondo voi è normale e passerà pian piano o devo preoccuparmi? Ho il terrore di essere incisa di nuovo dato che non è stata un'esperienza per nulla piacevole. Il chirurgo mi ha già messa in lista d'attesa per l'intervento chirurgico che però verrà fatto fra qualche mese. Nel frattempo spero che questa situazione migliori e regredisca nell'attesa dell'intervento. Attendo un gentile riscontro e anticipatamente ringrazio.
Saluti

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Mi sembra un decorso regolare. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it