Utente 423XXX
Salve, a metà aprile, all'improvviso, senza particolari avvisaglie ho iniziato ad avere problemi ad andare in bagno, dolori lancinanti durante la defecazione, dopo un paio di giorni mi sono rivolta al medico di famiglia, il quale ipotizzando Delle emorroidi mi ha dato una pomata da applicare in loco. Nel giro di 1 settimana la situazione è migliorata fino a sparire del tutto il dolore, nel frattempo ho preso appuntamento tramite Usl con un proctologo che mi ha detto che ho avuto una ragade e che era regredita. Inoltre ha detto che ho l'ano molto tonico e che probabilmente il problema poteva ripresentarsi. Nel frattempo mi ha dato una terapia da fare a settimane alterne di integratori per non avere mai le feci particolarmente dire (cosa che non ho e non ho mai avuto, anzi). Ora dopo neanche un mese dalla visita mi è comparsa una pallina, che esce fuori dall'ano molto probabilmente un emorroide, non mi dà particolare dolore se non quando la tocco, ne fastidi a parte il fatto di essere lì..in queste tre settimane è dapprima peggiorata fino ad uscire fuori e diventare più grande, poi migliorata quasi a sparire ed ora è di nuovo fuori. Ho provato con poca pressione a spingerla dentro ma non è morbida e cmq come mi rilasso esce. Ora vorrei capire, devo di nuovo fare la visita o la cosa si può risolvere da sola, visto che non ho dolore? C'È un modo per non avere più questi problemi per sempre?
Premetto che faccio un alimentazione sana, povera di zuccheri e moltissimo sport tra pesistica in palestra e corse/camminate fuori, bevo 2 lt di acqua al giorno e vado in bagno normale tendente al morbido.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Quello che ci ha riferito e la diagnosi di ragade è condivisibile.
Al momento sembra che si sia formato un piccolo ematoma perianale.
La necessità di intervenire farmacologicamente nascerà dalla conferma.
Nessuno potrà assicurare che tali episodi non si riverificheranno.
Una corretta alimentazione e feci morbide potranno ridurre le possibilità di ricadute.
Cordiali saluti
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com